facebook twitter rss

Taglio del nastro
per la Rsa Santo Stefano di Montecosaro

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
42 Condivisioni

santo stefano montecosaro (2)

santo stefano montecosaro (30)di Laura Boccanera

Taglio del nastro per la nuova Residenza Sanitaria per Anziani “Santa Maria in Chienti” del Gruppo Santo Stefano. 85 posti letto per anziani, un investimento complessivo di 8 milioni di euro, un progetto portato come esempio da seguire di sinergia fra pubblico e privato dal Presidente della Regione Gian Mario Spacca arrivato appositamente a Montecosaro per l’inaugurazione. In tantissimi oggi pomeriggio hanno preso parte alla cerimonia inaugurale del complesso che si trova in contrada Cavallino, a ridosso della nuova scuola Mandela. Per il sindaco Stefano Cardinali si tratta dell’ultimo taglio del nastro a fine mandato e l’emozione traspare anche nelle sue parole: “questa è  una storia iniziata circa 3 anni fa e vede la luce in pochissimo tempo, una struttura necessaria per Montecosaro e se oggi abbiamo anche la scuola questo lo dobbiamo anche a Enrico Brizioli amministratore delegato del Santo Stefano che ha

da sinistra Enrico Brizioli amministratore delegato Santo Stefano, il sindaco di Montecosaro Stefano Cardinali, la direttrice della struttura Monica Pennesi e il Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca insieme al direttore Asur Marche Gianni Genga

da sinistra Enrico Brizioli amministratore delegato Santo Stefano, il sindaco di Montecosaro Stefano Cardinali, la direttrice della struttura Monica Pennesi e il Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca insieme al direttore Asur Marche Gianni Genga

deciso di investire in questo territorio attivando tutti gli strumenti finanziari per poter in tempi brevi creare nuove opportunità”. Presenti, oltre al Governatore delle  Marche Gian Mario Spacca, il direttore generale Asur Marche Gianni Genga, la direttrice del centro Monica Pennesi e numerosi amministratori dei comuni limitrofi tra cui il sindaco di Porto Recanati Rosalba Ubaldi e il vicesindaco di Civitanova Giulio Silenzi. “Intendiamo sempre più creare servizi sul territorio, in stretta collaborazione con la Regione – ha detto  Enrico Brizioli. “La nuova RSA di Montecosaro, realizzata nell’ambito di un project financing promosso dal Comune, rappresenta un investimento importante che abbiamo deciso di effettuare per coprire la domanda di servizi proveniente dal territorio. Essa, infatti, offre una proposta assolutamente nuova in termini assistenziali e non ancora presente nel territorio di riferimento. La proposta assistenziale si rivolge alle famiglie con persone fragili, anziani e disabili, offrendo alle famiglie stesse un luogo dove il proprio caro potrà trascorrere il periodo necessario alle cure in un ambiente dove troverà calore umano e clima familiare. La struttura occuperà 56 addetti che sono stati selezionati secondo criteri trasparenti attingendo a personale che ha richiesto il trasferimento, precari già occupati presso il Santo Stefano e personale licenziato da aziende in crisi”. “Le Marche – ha riferito Spacca – sono la regione con la più alta speranza di vita in Europa. Mutano dunque le esigenze dei cittadini ed emerge con forza la necessità di potenziare l’assistenza post acuti e la riabilitazione, di tutelare con ancora più efficacia le fragilità. Di fronte alla progressiva e sempre più drastica riduzione dei trasferimenti statali, modelli come quello che è stato realizzato a Montecosaro diventano preziosi per accrescere la qualità dell’offerta sociosanitaria alla comunità marchigiana”. La nuova Residenza Sanitaria per Anziani è dotata di 38 camere doppie e 9 singole per un totale di 85 posti letto, 2 palestre, 2 sale di terapia e 2 sale polifunzionali, il servizio cucina e  la cappellina interna. Servirà un bacino di utenza di quasi 200mila persone.

santo stefano montecosaro (20)

 

santo stefano montecosaro (16)

 

santo stefano montecosaro (15)

santo stefano montecosaro (19)

santo stefano montecosaro (33)

santo stefano montecosaro (32)

santo stefano montecosaro (34)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X