Chiesta la Via per il centro commerciale
Italia Nostra: “Potentia è salva per ora”

PORTO RECANATI - L'associazione, che si è opposta al consumo di suolo e alla cementificazione in prossimità di un'area di grande rilevanza, plaude alla decisione della Provincia di valutare preventivamente l'impatto ambientale dell'opera
- caricamento letture
La zona archeologica di Potentia

La zona archeologica di Potentia

Anche Italia Nostra si è schierata contro il centro commerciale che dovrebbe sorgere a Porto Recanati nei pressi dell’area archeologica Potentia. Già in passato forze politiche e cittadini avevano manifestato la loro contrarietà (leggi l’articolo). La Provincia di Macerata, su istanza anche del Ministero dei Beni Culturali, ha deciso che il progetto venga sottoposto a Valutazione preventiva di Impatto Ambientale. L’associazione commenta la decisione della Provincia.
«A Porto Recanati non vi è solo la variante del Burchio – scrive in una nota  Italia Nostra Marche – a rappresentare un violento attacco al territorio, con la prevista cementificazione di 34 ettari della collina nel quartiere Montarice, (dove potrebbe sorgere un resort ndr) alla quale si sono finora opposti 636 cittadini firmatari di una mozione, il comitato di quartiere ed altri soggetti politici ed associativi, in una area considerata a rischio idrogeologico dal PAI ed in parte di interesse archeologico.
Vi è un altro attacco al paesaggio ed al prezioso tesoro archeologico dell’antica “Potentia”, rappresentato dal progetto di lottizzazione per la realizzazione di un centro commerciale a sud di Porto Recanati, tra l’area archeologica già vincolata, la Statale 16 ed il bivio della strada “la Regina”. In questo caso la cementificazione avrebbe una estensione complessiva di ben 67.500 metri quadrati, dei quali 11.000 mq destinati all’edificio commerciale e la restante superficie ad infrastrutture di servizio, a parcheggi, viabilità, etc.
La realizzazione del centro commerciale avrebbe luogo su una area a rischio archeologico ( per la metà ad alto e medio rischio) distruggendo le vestigia della centuriazione romana, reperti, manufatti, edifici, punti panoramici tutelati dal Piano Paesistico Ambientale e dalle leggi vigenti. Italia Nostra è intervenuta recentemente sulla vicenda ponendo in evidenza l’assenza di qualsivoglia necessità di realizzare nuovi centri commerciali, la necessità di evitare un’ulteriore consumo di suolo agricolo, la necessità di tutelare l’ingente patrimonio archeologico, paesaggistico ed ambientale dell’area di Potentia e l’opportunità di ripensare ad uno sviluppo diverso del territorio, legato alla considerazione che l’intera area di interesse archeologico è una risorsa non solo culturale ma anche ai fini turistici e socio-economici.
E’ necessario cogliere questa occasione per prevedere, per l’intera area a rischio archeologico, un esteso Parco archeologico contribuendo così a promuovere nuova occupazione giovanile qualificata in coerenza con gli obiettivi strategici di un distretto culturale della bassa valle del Potenza.
E’ pervenuta in queste ore la notizia che la provincia di Macerata, su istanza anche del Ministero dei Beni Culturali, ha deciso che il progetto sia sottoposto a Valutazione preventiva di Impatto Ambientale, evitando così – almeno per il momento – l’inizio della cementificazione.
Italia Nostra Onlus Marche invita l’Amministrazione comunale di Porto Recanati, a poche settimane dalla propria decadenza per fine mandato, ad astenersi dal sacrificare il territorio in modo così discutibile e, a nostro parere, poco utile per il futuro dei propri cittadini».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =