Autovelox, parla Conti:
“Si vergogni chi non rispetta le regole”

LA POLEMICA - Il primo cittadino di Camerino risponde a Giuseppe Mancinelli, suo collega di Penna San Giovanni: "I limiti sono imposti dall'Anas per ragioni di sicurezza stradale"
- caricamento letture
Dario Conti, sindaco di Camerino

Dario Conti, sindaco di Camerino

«Non voglio fare polemica con nessuno, ma non mi si può tirare per i capelli,anche se ne ho pochi.  Non credo che si debba vergognare il sindaco Conti, tutt’al più si vergognino tutti coloro ed in particolare quegli amministratori, che non rispettano i limiti di velocità mettendo in pericolo la propria ed altrui vita». Dario Conti, sindaco di Camerino, non ci sta a passare per il cattivo che batte all’incasso vessando gli automobilisti in transito nel territorio comunale di Camerino. E risponde direttamente, pur senza nominarlo, al sindaco di Penna San Giovanni, Giuseppe Mancinelli, immortalato in superstrada a 103 km/h dove il limite, in luogo dei canonici 110 km/h, era stato abbassato a 90 (leggi l’articolo). «L’autovelox è posto sotto il coordinamento della prefettura, indicando la presenza con cartelli fissi, autorizzati dall’Anas, a circa due chilometri dal punto di rilevamento. L’autovelox viene utilizzato lungo le strade dove c’ è pericolo e per questo sono stati posti dei limiti di velocità. Nessuno vuole fare agguati, ma è una prevenzione per la sicurezza dei cittadini lungo le strade. Chi non rispetta certi limiti viene giustamente sanzionato. Se l’Anas in quel tratto di strada ha fissato dei limiti di velocità ha avuto le sue ragioni  per la sicurezza stradale».

***

Martini: “Usiamo l’autovelox per far limitare la velocità” (leggi l’articolo)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X