La provincia, la capitale, il mondo
per l’ultimo saluto a Jimmy Fontana

IL FUNERALE A ROMA - Artisti, personaggi dello spettacolo e tanti maceratesi per l'addio a Enrico Sbriccoli. Il fratello Americo: "L'inno della Provincia di Macerata è stato dimenticato". Il sindaco Carancini: "Sono testimone dell'affetto verso un uomo rimasto sempre maceratese"
- caricamento letture
Jimmy Fontana (9)

Gli stendardi di Regione Marche, Provincia e Comune di Macerata per l’ultimo saluto a Jimmy Fontana. Sulla bara la maglietta del Milan donata da Adriano Galliani

Jimmy-Fontana-05-300x245

Il cantante Jimmy Fontana

 

di Alessandra Pierini

(foto-servizio di Guido Picchio)

“Il mondo, non si è fermato mai un momento”: sono state le parole della canzone forse più famosa di Jimmy Fontana “Il Mondo” intonate spontaneamente da un gruppo di persone sul piazzale della basilica romana di Santa Maria dei Miracoli, proprio di fronte alla Chiesa degli Artisti (in fase di ristrutturazione) ad accompagnare l’uscita della bara di Enrico Sbriccoli, insieme ad un lungo applauso della folla dei presenti. Jimmy Fontana oggi avrebbe dovuto essere a Pioraco per una serata musicale ma è morto mercoledì scorso nella sua casa romana a 79 anni (leggi l’articolo). In qualche modo i suoi funerali, celebrati oggi, sono stati un’ultima esibizione. A farlo rivivere i ricordi di quanti l’hanno conosciuto, la stima di chi ha voluto salutarlo e le sue indimenticate e indimenticabili canzoni che continueranno ad essere cantate, a renderlo immortale nel panorama della musica italiana e internazionale.

Jimmy Fontana (11)

Moltissimi artisti e personaggi del mondo dello spettacolo, tra i quali Gianni Boncompagni, Lando Fiorini e  Franco Migliacci hanno voluto essere presenti per l’ultimo saluto ad un grande protagonista del pamorama musicale. Non sono mancati  i concittadini maceratesi: Enrico Sbriccoli era infatti nato a Camerino e vissuto in quella Macerata che ha sempre portato nel cuore e nel mondo, attraverso il suo modo di essere, prima ancora che con le sue canzoni. C’erano, tra gli altri, l’ex senatore Mario Baldassarri, il peacekeeper Andrea Angeli, l’ex sindaco di Recanati Fabio Corvatta e Andrea e Carlo Valentini.

Jimmy Fontana (6)

Uno dei fan sul piazzale della basilica romana di Santa Maria dei Miracoli

Accanto alla bara non sono mancati gli stendardi della Regione Marche, della  Provincia e del Comune ma è stato il sindaco Romano Carancini, con il suo intervento, a farsi espressione dell’abbraccio dei conterranei: «Non sono venuto come sindaco – ha detto –  ma rappresento la città di un uomo che si è sempre sentito maceratese, che ha sempre rivendicato il suo essere provinciale, sono testimone dell’affetto di Macerata  verso un uomo che  è rimasto se stesso ed è rimasto maceratese. Il suo essere artista ha proiettato Macerata a livello internazionale e in fondo nelle sue parole c’era tutta la sua terra. Il suo modo di cantare sofferto ma ironico non aveva altre origini se non la vita provinciale, poi sbocciate a livello internazionale. Sono venuto a testimoniare la morte di un grande maceratese che ha fatto innamorare “Il mondo”». Ha invece inviato un telegramma alla famiglia il presidente della Provincia Antonio Pettinari:“Con Jimmy Fontana – scrive, fra le altre cose – scompare una figura importante per la nostra terra e per la nostra cultura: un figlio della nostra provincia, che ha saputo incarnare ed immortalare lo spirito dei maceratesi. A lui va il nostro sentito, commosso e partecipato grazie”.

Commossi i saluti dei familiari, i figli Andrea e Luigi e il fratello Americo raggiunto dalla notizia della morte in Germania (leggi l’articolo)che ha sottolineato «avevamo pochi mesi di differenza e siamo stati molto più che fratelli» per poi con un po’ di rammarico continuare «su incarico del presidente Sileoni ha scritto l’inno della Provincia di Macerata che purtroppo non viene più usato come inno ufficiale ed è un vero peccato».

Molti i fan che hanno salutato Jimmy Fontana con cartelli e manifestazioni d’affetto e si sono stretti intorno alla moglie Leda e a tutta la famiglia. Anche l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha voluto  omaggiarlo con una maglietta del Milan, appoggiata sulla bara, con il nome “Jimmy” sulle spalle.
Tanti pezzi che componevano la vita di Jimmy Fontana e che in questo pomeriggio di tristezza, ma anche di orgoglio per quanto ha saputo fare, si sono riuniti come in un puzzle ben riuscito per donargli in un solo grande abbraccio  i tanti tipi di amore che così bene ha saputo raccontare.

 

 

Jimmy Fontana (1)

Di spalle il fratello Americo Sbriccoli

Jimmy Fontana (4)

Il saluto del sindaco Carancini

Jimmy Fontana (10)

Gianni Boncompagni

 

Jimmy Fontana (12)

Lando Fiorini e il sindaco Carancini

Jimmy Fontana (13)

Fabio Corvatta e Andrea Angeli

 

Jimmy Fontana (3)


Jimmy Fontana (7)

Jimmy Fontana (8)
Jimmy Fontana (15)

Jimmy Fontana (17)

Jimmy Fontana (5)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =