Insulti in aula: l’Udc si scusa con Deborah Pantana

MACERATA - Nota del Direttivo cittadino in merito all'episodio accaduto nell'ultimo Consiglio Comunale
- caricamento letture

 

In seguito all’episodio accaduto nell’ultimo Consiglio Comunale in cui il capogruppo Ivano Tacconi si è rivolto alla consigliera del Pdl Deborah Pantana dicendogli “Non sei una donna, mia moglie è una donna”, il Direttivo Comunale dell’Udc si scusa pubblicamente attraverso la seguente nota stampa firmata dal consigliere e segretario comunale Massimo Pizzichini:

Deborah Pantana (Pdl)

Deborah Pantana, consigliere comunale del Pdl

Il Direttivo Comunale dell’Udc, in relazione agli incresciosi fatti successi nell’ultimo Consiglio Comunale, chiede scusa alla Consigliera Pantana Deborah e a tutte le donne che si sono sentite offese.
L’Udc condanna fermamente qualsiasi forma di violenza, sia verbale che fisica, nei confronti delle donne.
Certi atteggiamenti danneggiano chi li mette in atto, chi li subisce nonché tutto il Consiglio Comunale; l’assise cittadina è il luogo del confronto democratico anche aspro, ma non dello scontro personale, che spesso degenera in atteggiamenti e provocazioni censurabili.
L’Udc è da sempre al fianco delle donne nelle battaglie che Le vedono impegnate per un riequilibrio della società più al femminile e attenta alle disparità di genere.
Naturalmente nella nostra società c’è un problema di mentalità maschilista in molti settori della popolazione.
Deprecabile, ma curabile con la cultura e con il rispetto reciproco si potrà sopperire alle varie ingiustizie sociali.

Ivano Tacconi, capogruppo Udc

Ivano Tacconi, capogruppo Udc

Inoltre sempre riferito all’ultimo Consiglio Comunale e precisamente alla delibera del riparto di competenze tra Giunta e Consiglio degli strumenti urbanistici al fine di fugare qualsiasi illazione sorta sia dentro che fuori il consiglio comunale circa la nostra entrata in maggioranza si precisa quanto segue.
Il nostro voto è stato contrario alla delibera in questione in quanto non aveva il parere di legittimità del Segretario Generale perché difforme all’ art.5 della legge n.106 del 12-7-2011 cosiddetta legge sviluppo.
Tale nostra posizione è suffragata dall’ufficio legislativo della Regione Marche e dal settore pianificazione Urbanistica della Provincia di Macerata.
Abbiamo preferito assumerci le nostra responsabilità anziché entrare e uscire dall’aula del Consiglio o non prendere una posizione su una questione che è palesemente illegittima e portata avanti solo da chi ha interessi nell’urbanistica.

Se per una volta siamo stati determinanti nel far rispettare la legge e le istituzioni ne siamo orgogliosi.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =