Bocciata la variante Ceccotti
“Ora ripenseremo completamente l’area”

CIVITANOVA - E' terminata alle 4 la seduta di consiglio che ha rigettato il progetto della precedente amministrazione. Il nuovo iter sarà curato dall'architetto Sandro Polci
- caricamento letture
consiglio_comunale_civitanova

Il consiglio comunale è andato avanti fino alle 4 di notte

di Laura Boccanera

Respinta alle 4 di questa mattina la variante al piano Ceccotti. Ieri sera il consiglio, allo stremo delle forze e con pochissimi consiglieri di opposizione (arrivati alla fine solo Morresi, Borroni, Pucci e la Emiliozzi che però alla fine non ha votato ed è uscita dalla stanza) ha bocciato la variante, aprendo ora il passo ad un ripensamento complessivo dell’area Ceccotti. Soddisfazione da parte della maggioranza che in questo modo rigetta il progetto dell’amministrazione precedente gettando le basi ad una partecipazione collettiva sull’area. 15 osservazioni per 61 punti votate una ad una, alcune di natura tecnica, altre di natura politica e programmatica. Accolte quelle di Legambiente e di Cittaverde e in parte anche quella di un proprietario dell’area, Emanuele Frontoni.

consiglio_comunale_civitanova2

L’aula consiliare

“Si apre ora una fase nuova – ha detto l’assessore Micucci – che coinvolgerà la città . Ci auguriamo di trovare tempi rapidi. Il nostro presupposto di partenza non è la cementificazione, ma la destinazione d’uso. Sono state accolte dunque quelle osservazioni che vanno nella direzione che vogliamo portare avanti come per esempio più verde, pista ciclabile, parcheggi”. Con il respingimento della variante ora l’iter dunque si riapre: ora in programma alcuni incontri con la città, con i consulenti e con l’ufficio tecnico per capire come strutturare la proposta di partecipazione collettiva per l’area. Un processo che sarà strutturato in maniera “scientifica” dall’architetto Sandro Polci, al momento solo consulente, ma è sempre più probabile che nelle intenzioni dell’amministrazione ci sia la volontà di affidare a lui il progetto del nuovo piano. E sarà lo stesso Polci a proporre soluzioni per la partecipazione (si parla ad esempio della possibilità di far entrare alcuni cittadini nell’area Ceccotti per capire quale zone vengono scelte a piedi per passeggiare e sulla base di quelle tracciare il percorso della ciclabile). “Ci è piaciuto il suo approccio alla partecipazione come qualcosa di attivo e non solo chiacchiere o incontri, ha esperienze di questo tipo in città come Roma e Parigi – ha detto il sindaco Tommaso Claudio Corvatta  – e le sue idee per la città ci hanno convinto”.
Al termine del consiglio qualche problema con il Movimento 5 stelle che appoggia invece la variante, avallando di fatto il progetto fatto dal centro destra, tanto che la votazione  si conclude con 14 voti a favore, 3 contrari (Pucci, Borroni, Morresi) e 0 astenuti. Mirella Emiliozzi è uscita dalla sala consiliare poco prima del voto.  Soddisfatte le associazioni ambientaliste: “Questa mattina attorno alle 4 è morto il Piano di Lottizzazione ad iniziativa pubblica aree ex Ceccotti – scrive Cittaverde –  Si chiude l’ennesimo tentativo di cementificare il centro della città. Con la votazione in consiglio Comunale è chiaro e speriamo che lo sia per tutti che il Piano elaborato dal Centro Destra dal PDL e UDC non esiste più. Ai proprietari rimangono come giusto che sia e non può essere altrimenti le proprietà delle aree e al Consiglio Comunale riprogettare e decidere un nuovo piano. Noi ci aspettiamo che contro la decisione del Consiglio Comunale a maggioranza di bocciare il Piano si aprirà una fase di contenziosi legali,di ricorsi. La città ha bisogno di un piano che abbia al centro gli interessi generali e collettivi di cui la città ha bisogno”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X