Basket, Pedaso ferma la corsa della Vigor Matelica

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Vigor-Matelica

La formazione della Vigor Matelica al completo

Si sapeva che il campionato dell’Halley sarebbe iniziato sabato, con il superscontro al vertice della classifica con il Pedaso, dopo 5 partite troppo facili per il tasso tecnico del gruppo di coach Sonaglia. Così è stato, è stata una vera battaglia a cui forse gli ospiti sono arrivati impreparati, visto il modo in cui sono stati gestiti i palloni finali, e tra i motivi della prima sconfitta stagionale vanno dunque incluse, forse, proprio le passeggiate precedenti. Eppure è Pedaso ha iniziare con il freno a mano tirato, le polveri bagnate e la tensione che blocca le gambe. L’Halley comincia a volare con Porcarelli, che intercetta un pallone e si invola per appoggiare comodamente a canestro. Si iscrivono poi alla partita Quercia, Usberti, poi di nuovo Quercia, mentre il solo Manfrini da segni di vita per gli ospiti. La bomba di Sorci costringe Camarri al time out. La partita vera inizia al rientro in campo, con il Matelica che, dopo la bomba di Usberti, commette il grosso errore di permettere ai locali di prendere convinzione e rientrare velocemente in partita. Manfrini continua ad essere mortifero e Pedaso raggiunge una Matelica entrata un po’ nel pallone sul 15-15. Stavolta è Sonaglia a chiamare il time out, ma il primo quarto si chiude sul 19-19. Da lì in poi sarà battaglia e partita vera, con break e contro break che non danno mai l’impressione di essere decisivi. Pedaso non ha lunghi di livello, ma mette in crisi Matelica con una buona difesa, una gran voglia di andare a rimbalzo (imbarazzante per la Vigor il gran numero di rimbalzi d’attacco di Pedaso) e un attacco in perenne movimento, forse troppo intenso per le gambe degli ospiti. Le buone iniziative in attacco vengono spesso annullate da pericolose amnesie difensive. All’intervallo lungo si va sul 32-33 per i biancorossi. Nel terzo quarto Camarri prova la zona, che mette piuttosto in difficoltà i matelicesi: stavolta sono i padroni di casa a tentare l’allungo, grazie soprattutto ad uno spiritato D’Angilla, attivo al tiro e ancora più prezioso per i suoi 18 rimbalzi, molti dei quali su rimbalzo d’attacco. Pedaso arriva a 41-35 dopo 3′ di gioco. Ma a suonare la carica, per gli ospiti, è il giovane Montanari, che trova una bomba fondamentale, seguita da quella del pareggio di Sorci. Montanari è ispiratissimo, non solo per i punti, ma anche per la lucidità e la “presenza” in attacco. La Vigor rimette la testa avanti sul 45-46 e poi chiude il terzo quarto sul 49-52. L’ultimo quarto continua la buona vena Halley, mentre Pedaso si fa più e più nervosa. Si arriva sul 61-49 e sembra un buon bottino, ma Di Angilla e Domesi non ci stanno e riportano presto Pedaso sul 58-61. Si gioca in apnea ora: a 3′ dalla fine siamo sul 64-64. L’Halley fatica a trovare buona circolazione e buoni tiri, Pedaso vola sul 71-65. Pecchia ridà ossigeno con un tre punti e i  padroni di casa sbagliano 4 tiri liberi di fila. Ma i loro avversari non sanno approfittarne: Sorci va per un comodo tiro, viene tirato giù di peso: Matelica vuole l’antisportivo ma avrà solo due liberi. Il numero 5 ospite ne segna uno: siamo sul 71-70 per Pedaso, che riuscirà, nel gorgo del fallo sistematico, a portare in lunetta la cassaforte Domesi, che non trema. La partita finisce 75-71 . Pedaso festeggia giustamente, mentre Matelica torna a casa con qualche salutare ferita da leccare.

Tabellini

Matelica: Porcarelli 6, Sorci 17, Coicchio 6, Bracchetti A., Montanari9, Gatti 5, Quercia 12, Bracchetti C. n.e., Pecchia 8, Usberti 8. All.re Sonaglia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X