La Maceratese cerca il riscatto a Pesaro

SERIE D - Domenica (ore 15) i biancorossi sfideranno la Vis: i tifosi sono pronti a sostenere la squadra ed hanno organizzato due pullman, c'è tempo fino a venerdì per prenotarsi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
OV4D3703-300x214

La panchina della Maceratese durante la partita persa domenica scorsa contro l’Ancona

 

di Filippo Ciccarelli

Passata la delusione del debutto casalingo contro l’Ancona, squadra che si è imposta all’Helvia Recina per 2-0, la Maceratese si prepara per la trasferta che la vedrà opposta alla Vis Pesaro. Mister Di Fabio sta provando diverse soluzioni tattiche, a partire dalla scelta dell’estremo difensore; due dei tre portieri, infatti, sono under (Calvaresi e Marani) ed impiegarli significherebbe avere un giocatore di movimento in più in mezzo al campo. Non è però da escludere l’utilizzo nella formazione titolare del più esperto Carfagna, l’unico che non ha esordito in campionato, anche se sia Calvaresi che Marani hanno destato una buona impressione nella partita con l’Ancona. Non dovrebbe essere della partita invece Donzelli, terzino classe 1994 fondamentale nello scacchiere della Maceratese, ancora alle prese con problemi fisici.
Dal canto suo la Vis Pesaro è pronta al debutto davanti al proprio pubblico, ed è reduce da una serie di risultati positivi sia in Coppa (ha eliminato la Jesina) che in campionato, visto che ha sconfitto in trasferta per 3-0 l’Isernia.
L’associazione di tifosi biancorossi La Sportiva ha organizzato due pullman per consentire ai supporter della Maceratese di partecipare alla trasferta pesarese: il costo del viaggio è di 10 euro (è escluso il tagliando d’ingresso allo stadio), ritrovo alle ore 12 di domenica all’Helvia Recina. Per prenotarsi c’è tempo fino alle 22 di venerdì; i punti vendita che raccolgono le adesioni sono il Bar Ezio di corso Garibaldi, il bar Campo dei Pini e Il Telefono di Corso Cairoli.
C’è attesa soprattutto per vedere la reazione sul campo dell’undici biancorosso di scena al Benelli (calcio d’inizio domenica alle ore 15): secondo Guido Di Fabio “la squadra è tranquilla dal punto di vista psicologico, stiamo lavorando sui nostri errori e sulle cose da migliorare. La serie D è diversa dall’Eccellenza, i ragazzi hanno bisogno di sentirsi valorizzati ed elogiati, e questa sicurezza la porta il risultato.  Dobbiamo insistere e continuare a lavorare, poi col passare del tempo capiremo il nostro vero valore. Capparuccia? L’ho visto cattivo e determinato, direi che ha avuto un esordio positivo, come altri suoi compagni”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X