Baldassari parte in salita
E’ 23° dopo le prime due prove nel Finn

OLIMPIADI DI LONDRA - Il velista recanatese ha tutte le carte in regola per migliorare la sua posizione nel corso delle prossime gare
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Filippo-Baldassarri

Filippo Baldassarri

di Mauro Nardi

Dopo la scorpacciata di medaglie nel fioretto grazie alle jesine Elisa Di Francisca e Valentina Vezzali, la seconda giornata londinese dei giochi a cinque cerchi ha visto scendere in gara un altro marchigiano. Il velista Filippo Baldassari è stato infatti impegnato nelle prove della categoria Finn. L’atleta di Recanati, tesserato con le fiamme gialle ha iniziato in salita il suo esordio olimpico chiudendo le due sessioni al  23° posto con i parziali 20-22 e 42 punti. Baldassari, unico rappresentante azzurro nella categoria Finn, è comunque in grado di migliorare il suo piazzamento nei prossimi giorni tanto che gli addetti ai lavori scomettono su un ottimo risultato e non escludono un podio. “Partecipare alle Olimpiadi è una grande sfida personale – ha sottolineato l’allenatore azzurro Luca Devoti – e il modo in cui Filippo saprà affrontare la pressione dell’ambiente olimpico sarà fondamentale per il risultato. E’ proprio questa capacità a fare la differenza tra un ottimo velista e il Campione con la “C” maiuscola. Filippo è giovane, è vero, ma sono tanti gli esempi di atleti che hanno vinto medaglie a 21 anni. Lui ne ha 24 e potrebbe fare molto bene. Il Finn è una classe molto competitiva e tra i 24 iscritti credo che almeno 12 atleti abbiano serie possibilità di salire sul podio – ha continuato Devoti – per quella d’oro forse il numero si restringe con un superfavorito, l’inglese Ben Ainslie dominatore assoluto della classe da quasi un decennio, ma alle Olimpiadi è sempre tutto possibile”. A dominare le prime due sessioni del Finn sono stati proprio mostri sacri come il danese Christensen giunto primo (2 pt) e l’inglese Ainslie secondo (4 pt). Terzo il croato Gaspic (6 pt). Il primo giorno di regata a Weymouth e Portland si è svolto con vento instabile da ovest sud ovest a 11-15 nodi, mare calmo, cielo parzialmente nuvoloso e 16 gradi. I Finn come da programma hanno disputato due prove: nella prima Baldassari ha chiuso al 20° posto. Nella seconda, posticipata per consentire al Comitato di spostare il campo di regata a Weymouth Bay West e attendere che il vento si stabilizzasse dopo un piovasco, ha chiuso 22esimo sulla linea di arrivo. Domani in regata il civitanovese Michele Regolo tra i Laser Standard.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X