Rapina al caveau della Fitist
Quattro uomini arrestati
Recuperati oltre 20 milioni di euro

MACERATA - Presa di mira l'azienda di Piediripa. I malviventi, tutti laziali, sono stati bloccati mentre uscivano con due furgoni carichi di banconote
- caricamento letture

arresti-rapina-piediripa3

arresti-rapina-piediripa

Dopo un lungo interrogatorio gli arrestati escono dalla Questura di Macerata intorno alle 3.30. Tutti i dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in tarda mattinata (foto Picchio)

Rapina-Piediripa-foto-Picchio-8-300x199

Gli investigatori sul posto

 

di Alessandra Pierini

(foto-servizio di Guido Picchio)

Ancora un preoccupante episodio di criminalità a Macerata e dintorni. Oggi pomeriggio intorno alle 19,15  una banda di rapinatori ha preso di mira il caveau della Fitist di Piediripa. I malviventi, armati di taglierini e scacciacani, si sono introdotti nei locali dell’azienda e dopo aver immobilizzato i tre metronotte di servizio, legandoli, hanno caricato su due furgoni, di proprietà della Fitist, banconote per un importo quantificato dagli investigatori tra i 20 e i 30 milioni di euro, e hanno tentato la fuga.  A dare l’allarme al 113 della Questura è stata la centrale operativa della Fitist con sede a Jesi che ha riferito di una rapina in corso all’interno del caveau a Piediripa  dove gli addetti alla sicurezza della sede centrale, avevano visto  alcuni uomini che  stavano immobilizzando i metronotte della sede maceratese.

assalto-portavalori-picchio1

L’assalto al portavolori della Fitist dello scorso 1 febbraio

Subito dopo la telefonata al 113 della Questura di Macerata, gli agenti della “Volante” e della Squadra Mobile sono arrivati  sul posto e contemporaneamente sono stati informati della presenza di quattro malviventi con volto travisato da maschere di carnevale. Gli operatori  hanno chiuso  tutte le uscite della Fitist bloccando anche  il furgone che stava uscendo dal caveau con a bordo tutti e quattro i malviventi, ai quali è stato intimato l’alt. Gli uomini, tutti laziali, sono stati arrestati con la collaborazione di una pattuglia dei Carabinieri intervenuta nel frattempo in ausilio. Sul posto  anche personale della Polizia Scientifica per i rilievi del caso. Sono in corso tuttora accertamenti volti a capire come i rapinatori si sono introdotti all’interno del caveau e soprattutto come sono riusciti a superare le 7 porte blindate che lo proteggono. Al momento sono in corso interrogatori anche dei titolari dell’aziende per raccogliere elementi. Gli investigatori stanno inoltre valutando l’autenticità dei documenti dei quattro uomini che fino ad ora si sono rifiutati di parlare. I rapinatori sono di età compresa tra i 40 e i 55 anni. Attilio Clementi, 53 enne di Guidonia è stato arrestato dai carabinieri. Massimo Morresi e Giuseppe Coppola sono invece i nomi che risultano dalle carte di identità di altri due rapinatori  mentre il quarto non aveva documenti. Non si esclude la complicità di una talpa all’interno dell’azienda.
La Fitist era già stata protagonista della cronaca lo scorso 1 febbraio quando una banda armata assaltò uno dei suoi furgoni portavalori (leggi l’articolo).Anche in quella occasione il colpo non riuscì, i rapinatori non prelevarono neanche una banconota dal furgone.

arresti_fitist-1-300x196   arresti_fitist-3-300x199

arresti-rapina-piediripa4-300x244

arresti-rapina-piediripa2-300x199

Rapina-Piediripa-foto-Picchio-1-300x200   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-2-300x200   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-3-300x200   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-4-300x199   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-5-300x203   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-6-300x198   Rapina-Piediripa-foto-Picchio-7-300x199



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X