Crescono gli episodi di criminalità
E la gente ha diritto ad essere informata

Troppi ormai gli episodi preoccupanti che hanno interessato Macerata e il suo territorio. Fondamentale la collaborazione tra cittadini e forze dell'ordine attraverso un'informazione coordinata
- caricamento letture

Polizia-e-Carabinieridi Matteo Zallocco

Stavolta l’allarme è concreto. A Macerata esiste una questione criminalità che si fa ogni giorno più preoccupante. Oggi il capoluogo è una città che quotidianamente deve fare i conti con una realtà delinquenziale senza precedenti e dove il pericolo è dietro l’angolo: l’isola felice non esiste più. Da un pezzo. Gli ultimi episodi in ordine cronologico costituiscono il segnale evidente di una situazione dove il livello di guardia è ormai stato abbondantemente superato. Il titolare del ristorante “Il cortile” malmenato da un gruppo di stranieri per una futile questione legata alla postazione dei videopoker; uno straniero selvaggiamente picchiato da alcuni connazionali e lasciato sanguinante in pieno centro dopo una rissa iniziata fuori da un locale; una giovane ballerina picchiata e abbandonata per strada a Trodica di Morrovalle; una lunghissima serie di furti, parecchi dei quali non vengono neanche denunciati. Proprio ieri mattina, in un incontro con gli studenti dell’Itg Bramante, il questore Giuseppe Oddo ha richiesto una maggiore collaborazione fra i cittadini e le forze dell’ordine. Giusto. Anzi, assolutamente indispensabile. Ma è altrettanto indispensabile che le forze dell’ordine stesse adottino una forma di comunicazione omogenea con gli organi di stampa, evitando che anche nel terreno giornalistico si scateni una sorta di “far west” a caccia della notizia più cruenta o d’effetto, come purtroppo si sta verificando da qualche tempo a questa parte. Questo tipo di informazione va coordinata, perchè in una situazione come questa il ruolo della stampa e dell’informazione in genere è fondamentale per stabilire un contatto diretto ed efficace fra popolazione e tutori dell’ordine.

Oggi la sicurezza non è costituita più soltanto dall’adozione di misure di prevenzione e repressione dei reati: comprende la tutela dell’interesse generale alla incolumità delle persone, la salvaguardia dei beni e il diritto di vivere in un ambiente civile e decoroso: tutte queste legittime istanze riunite rappresentano oggi “il diritto alla sicurezza”. Macerata, il suo territorio oggi lo reclamano. Con forza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X