Canesin su rigore decide il derby
Real Macerata-Robur 0-1

LA PARTITA DELLA SETTIMANA IN TERZA CATEGORIA
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
CANESIN

Giovanni Canesin, bomber di giornata

di Luigi Labombarda

Torna alla vittoria la Robur Macerata che vince la stracittadina con il Real al campo sportivo “Rione Pace” e vede la fine della crisi tecnica: la formazione del presidente Russo non vinceva infatti dalla prima giornata (3-0 alla Nova Camers). E’ stata una gara combattuta tra due formazioni che prediligono costruire azioni di gioco, più che aspettare l’avversario, anche se per lunghi tratti di gara ha prevalso l’eccessivo agonismo. Il pareggio era probabilmente il risultato più giusto ma i roburini sono stati più abili nel capitalizzare al massimo la rete su rigore di Canesin, difendendola fino al triplice fischio dell’arbitro. Il Real ha trovato invece qualche difficoltà di troppo, maggiore possesso palla a centrocampo ma poche idee in avanti (pesa l’assenza per squalifica di Marconi). Si ferma così la striscia positiva dei padroni di casa che durava da cinque turni (3-2 all’Accademia Montefano).

LA CRONACA – Fabio Fermani sceglie il 4-2-3-1 con Marcelli avanzato sulla linea dei trequartisti e Sdrubolini a sinistra. Anche la Robur parte con un solo riferimento offensivo (Angiolani) ma una predisposizione più coperta; in porta rientra Stortoni, per il resto Soldini sceglie la “linea verde” con molti giovani dal primo minuto.
Quasi tutto il primo tempo fila via senza grossi sussulti (si ricorda solo un tentativo da lontano di Marcelli terminato fuori), in compenso i contrasti di gioco si fanno subito aspri e il direttore di gara Guardati fatica a mantenere la calma tra i ventidue in campo e sulle panchine. Il sale è sulla coda ed è quasi tutto marcato Robur. Al 38’ Moretti (subentrato a metà frazione al posto di Paesani, acciaccato) va alla conclusione dai 20 metri, la palla però termina ampiamente lontano dai pali. Poco dopo Domizi crossa basso in area di rigore, Seresi respinge la palla che però non si allontana allora Sinigallia si avventa in scivolata e la colpisce ma Grappone è svelto ad accartocciarsi su di essa bloccandola. Al 42’ Poloni impegna Stortoni con una punizione dai 25 metri che il portiere devia in angolo. Nel recupero del primo tempo succede un po’ di tutto. Prima c’è uno scontro fortuito tra Seresi e Principi in cui l’ala Robur ha la peggio, mister Soldini protesta in modo troppo veemente e viene allontanato dall’arbitro; nell’ultimo giro di lancette, Angiolani è lanciato verso la porta avversaria ma la sua conclusione viene deviata da Sancricca in ripiegamento.
In apertura di ripresa ci prova Sdrubolini ma il suo diagonale si spegne sul fondo, poi al 52’ l’episodio che decide la gara: Sinigallia penetra da sinistra in area ma proprio all’ingresso viene atterrato da Giulianelli. Per l’arbitro è rigore e Canesin si presenta sul dischetto e non fallisce, spiazzando Grappone: è il gol della vittoria. Fermani inserisce successivamente un’altra punta di peso, Moretti accanto a Zamponi, ma il Real non riuscirà più ad essere pericoloso dalle parti di Stortoni, anzi la foga di attaccare li espone ai contropiedi avversari. Al 73’ una veloce combinazione Sabbatini-Canesin porta ancora l’autore della rete davanti a Grappone ma anche in questa occasione è bravo Sancricca a frapporsi tra il tiro e la propria porta. All’87’ su un rilancio dalle retrovie Sabbatini tocca di testa per l’inserimento da sinistra di Canesin, stavolta c’è Grappone a negargli la gioia della doppietta, così come al 90’ è bravo il portiere casalingo a deviare di piede rimediando ad un errore della barriera che si apre davanti alla punizione battuta da Ciccarelli. Alla fine è festa Robur, con Soldini contento più di tutti per le scelte fatte e per la vittoria, l’unica cosa che mancava ad una squadra che ha dimostrato la sua qualità anche negli incontri precedenti.

IL MIGLIORE: Giovanni Canesin (Robur Macerata). Uno dei prodotti del florido vivaio, classe 1992, che gioca con personalità e realizza con freddezza il rigore della vittoria.

REAL MACERATA – ROBUR MACERATA   0-1

REAL MACERATA: Grappone 6,5, Mogetta 5 (dal 74’ Orioli sv), Bernabei 5,5, Marcelli 5,5, Sancricca 6,5, Seresi 6 (dal 46’ Giulianelli 5), Polino 5,5 (dal 53’ Valeri 5,5), Meschini 6, Zamponi 5,5, Poloni 6 (dal 59’ Leonori 6), Sdrubolini 5,5 (dal 66’ Moretti sv). A disp. Romagnoli, Mitillo. All. Fermani.

ROBUR MC: Stortoni 6, Domizi 6, Campogiani 6, Gentilucci 6,5, Ranzuglia 6, Casulli 6,5, Principi 5,5 (dal 47’ p.t. Sabbatini 6,5), Paesani sv (dal 21’ Moretti 6), Angiolani 6 (dal 61’ Ciccarelli sv), Canesin 7 (dal 92’ Carlini sv), Sinigallia 6,5. A disp. Luzi, Capitani, Martorano. All. Soldini.

ARBITRO: Guardati di Macerata.

RETI: 52’ Canesin rig.

NOTE: angoli 6-6. Ammoniti Mogetta e Bernabei (Real), Ranzuglia, Paesani e Canesin (Robur). Recuperi 4’ p.t. – 4’ s.t.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X