Scena muta per la Lube
Trento passeggia in gara 1

SEMIFINALE - I biancorossi cadono 3-0, mercoledì la seconda sfida a Macerata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Lube-1-300x199


Non c’è praticamente stata mai partita, Trento ha dimostrato una superiorità di forza, di compattezza e di volontà  e la Lube ha perso con un nettissimo 3-0 (25-17, 25-18, 25-22) la prima gara della serie di semifinale. Peccato verrebbe da dire ma se a ciò abbiniamo che il miglior giocatore al mondo, ovvero Matey Kazyiski dell’Itas, ha ricevuto con il 27% di perfetta ed ha attaccato con il 28% di positività forse qualcosa non torna. Kazyski gioca così sotto tono e Trento demolisce la Lube? Si, il campo ha emesso questo verdetto. Troppi pochi gli sprazzi da grande squadra per la Lube, avanti 7-3 nel primo e 11-6 nel secondo parziale, alla fine Trento ha demolito la resistenza di una squadra che si è sciolta alla vista delle prime difficoltà. Omrcen, l’ultimo ad alzare bandiera bianca con la solita prova da leone, contrassegnata dai suoi 17 punti. Ma andiamo alla cronaca della sfida. Primo set che parte subito con un’ottima Lube: Stankovic firma il 7-3 in avvio ma lentamente Trento torna in carreggiata e con un Andrea Sala straordinario (100% nel primo set su 7 attacchi) si riporta in parità sull’8-8. Il guizzo per i locali lo firma proprio Sala che realizza l’ace che vale il 14-12, Vissotto allunga sul 18-15 e proprio l’opposto carioca chiude il set 25-18 con la bellezza di 7 punti nel parziale. Trento devastante, Lube un pò sottotono. Nel secondo parziale s’infortuna Corsano che lascia il suo posto a Smerilli. Macerata allunga con Omrcen sull’11-6 ma i biancorossi soffrono e rimangono avanti 14-13 con un gran colpo di Martino. Trento mette la freccia contro una Lube davvero troppo molle ed allora Vissotto firma il 17-14 e Juantorena il 20-16; l’attacco in rete di Omrcen fissa il punteggio sul 25-19 per Trento. Nel terzo set tutti si aspettano la reazione della Lube che invece continua a rimanere in letargo, in avvio 8-5 per i locali con Birarelli a segno, Kazyiski porta i suoi avanti 12-10 prima che De Giorgi inserisca in campo Monopoli e Cisolla al posto di Vermiglio e Swiderski. Macerata non dà mai la sensazione di ritornare in partita e rimane sul -1 fino al 21-20 (Omrcen), ma alla fine si chiude 25-22 con un sonoro 3-0 in favore dei trentini. Lube davvero brutta, giocando su questi livelli difficilmente si può pensare di impensierire una corazzata come quella dell’Itas. Mercoledì alle 20.30 gara 2 al Fontescodella.

Lube-2-300x197

Lube-3-300x199

Lube-4-195x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X