Maulo: “Macerata è pronta
a cambiare passo”

- caricamento letture

Da Gian Mario Maulo (Pd):

Di fronte al coretto di ‘prefiche’, allenato a piangere senza  spartito, non sta un cadavere  ma  una città viva, certificata dai primati raggiunti nella qualità della vita, nei servizi sanitari, nel verde pubblico, nell’efficienza e nei costi dell’amministrazione, nelle attività economiche e finanziarie, nella minore incidenza delle tasse, nella sicurezza delle scuole. Una città in piedi, che deve cambiare passo, non strada.

La città  ha le potenzialità umane, professionali, economiche, tecniche per farlo.

I cittadini hanno modellato un nuovo consiglio comunale di centrosinistra carico di esperienza competenza e creatività, con un programma che apre ad una nuova storia le premesse amministrative già poste.

I tracciati della viabilità di rete e di sistema,  verso San Claudio ed oltre Sforzacosta e Villa Potenza, sono delineati, in parte progettati e finanziati col piano casa, a tratti già realizzati. Lo sviluppo edilizio, cadenzato nel tempo e dimensionato secondo le reali esigenze del mercato e della città, si avvia con significative ricadute sociali per le categorie più deboli,  con effetti finanziari per il Comune ed occupazionali per le imprese e i lavoratori. Le aree per attività produttive sono in allestimento in vallata ed altre se ne prevedono per l’artigianato e  per la ricerca  prossime alla città. L’area fieristica di Villa Potenza attende l’avvio di un polo espositivo, commerciale, sportivo, di spettacolo e tempo libero. Dopo la ristrutturazione della piscina di via Don Bosco, il polo natatorio di interesse comprensoriale, scolastico e universitario, apre il cantiere. Il percorso museale, servito dal parcheggio programmato oltre Rampa Zara, apre la città a nuove prospettive culturali e turistiche dal Palazzo Buonaccorsi alla Nuova Biblioteca Mozzi-Borgetti .

Con Carancini, oltre a realizzare queste linee di programma, viene ampliata la partecipazione e la relazione  fra Amministrazione e città con la Giunta itinerante, le associazioni di quartiere, l’Ufficio delle Relazioni con il Pubblico, l’ampliamento del sito internet, le aree wi-fi free, il collegamento audio e video del Consiglio Comunale nelle case, i concorsi di idee. Si integrano le Istituzioni pubbliche con gli Stati Generali, per aprire la città con Macerata Musei, la fiera del turismo, ‘Macerata estate’, le grandi mostre e gli spettacoli oltre la lirica, le ‘notti bianche’, le rassegne di musica..

La città  amplia il suo centro storico oltre le mura; si realizza il parco dello spettacolo a Villa Potenza, si mettono a disposizione  gli spazi degli Antichi Forni e dell’ ex Mattatoio per  la vita culturale dei giovani. Crescono accoglienza e sicurezza, , il sistema degli asili e delle palestre, lo sport diffuso nei quartieri. I servizi alla persona si integrano e si potenziano ancora nell’ambito territoriale sociale. Si estende l’impegno per i servizi pubblici, l’acqua, il trasporto, le farmacie,  la raccolta differenziata, il verde dei parchi, le energie alternative.

A garanzia  le premesse urbanistiche, amministrative e finanziarie, già poste. Per il cambio di passo la determinazione e la collegialità del nuovo assetto del Consiglio e della Giunta.

Una nuova storia: una città che cresce, non una città che piange.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X