La Lube espugna Verona
Biancorossi quinti in classifica

Netto 3-0 in casa degli scaligeri. Corsano esce nel primo set
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Omrcen-contro-Verona

La Lube Banca Marche torna ad espugnare il Pala Olimpia di Verona (nella foto un attacco di Omrcen) dopo ben cinque anni dall’ultima volta (era la stagione dello scudetto), piazzando il settimo 3-0 stagionale (25-23, 25-23, 25-18) che le consente di mantenersi al quinto posto in classifica, ora a due lunghezze dalla coppia Treviso e Modena rispettivamente terza e quarta, ad un solo turno dal termine della Regular Season, che per i biancorossi farà calare il sipario domenica prossima al Fontescodella nel derby con Loreto. Buona prova per determinazione quella dei ragazzi di Fefè De Giorgi, che torna a schierare Matteo Martino titolare in banda con Cisolla (per il giovane schiacciatore di Alessandria gran bella prova, chiude con 16 punti, 57% in attacco, 68% in ricezione 3 ace, 1 muro ed il titolo di MVP; l’ex trevigiano invece dal primo set lascerà il posto a Swiderski) ma nel corso del parziale d’apertura deve rinunciare nuovamente a Mirko Corsano, colpito ad un occhio dalla palla attaccata da un avversario e costretto ad accomodarsi in panchina per il resto della gara. Al suo posto, comunque, un ottimo Lorenzo Smerilli, che chiude la partita col 62% di ricezioni positive (44% di perfette) e strappa applausi a più riprese sfoderando delle eccezionali difese.

La cronaca
1° SET – Lube Banca Marche in campo con Vermiglio e Omrcen in diagonale, Podrascanin e Stankovic al centro, Cisolla e Martino di mano, Corsano libero. Dall’altra parte della rete Bagnoli schiera invece Sottile-Lasko, Howard-Holt, Kromm-Della Lunga, Colaci libero.
Ottima la partenza dei biancorossi, che mettono subito in difficoltà i padroni di casa con il servizio (un ace di Martino) costringendo il tecnico Bagnoli a spendere dopo pochi minuti il suo primo time out. Lube avanti 7-1, 10-3 dopo l’ace di Omrcen che costringe la panchina di casa a chiamare anche il secondo time out. Verona risale a -4 con gli attacchi vincenti di Lasko e Kroom (11-7, stavolta il time out è di De Giorgi), e grazie all’ottimo lavoro del muro-difesa può ricostruire e contrattaccare fino al -2 (11-12). Corsano viene colpito al volto dall’attacco di Kromm ed è costretto ad uscire per lasciare il posto a Smerilli, nel frattempo Verona trova pure il punto dell’11-12. Il nuovo mini break dei biancorossi arriva con il muro di Omrcen su Kromm (15-12), ed è sempre il croato a firmare pure il +4 dopo una bella rigiocata di Vermiglio, che sfrutta il buon lavoro di Smerilli (17-13). Non molla la Marmi Lanza, che prende le misure a Cisolla e riesce a riportarsi di nuovo a -1 (16-17). De Giorgi richiama in panca l’ex martello di Treviso inserendo Swiderski, mentre dall’altra parte Curti va in campo per sostituire il centrale americano Holt, che si infortuna. Nel rush finale, Vermiglio sceglie di affidarsi soprattutto a Omrcen (9 punti, 78% in attacco), trovando grandi risposte. A chiudere è invece Swiderski, sul 25-23.

2° SET – Biancorossi che mantengono in campo Swiderski e Smerilli, il primo break stavolta è però per Verona, ed arriva col contrattacco di Curti (5-3), rimasto in campo al posto di Holt. Il set si fa quindi ancor più in salita per i biancorossi dopo l’attacco out di Omrcen (7-11, time out De Giorgi). Macerata reagisce col muro di Podrascanin su Dell a Lunga (12-14), nell’azione successiva il martello dei veronesi viene nuovamente fermato (da Martino) ed esce per lasciare il posto a Kovar (14-15). I biancorossi trovano subito il pareggio, quindi il primo vantaggio nel set sul 17-16 grazie all’ace di Martino ed il successivo break con il muro di Swiderski su Lasko (gran difesa di Smerilli, time out Verona). Sul 19-17 entra Raymaekers per Stankovic, mentre al servizio Podrascanin manda in tilt la ricezione scaligera, consentendo a Omrcen di mettere a terra due facili palloni di prima intenzione per il 21-17. Verona trova il -2 con un muro di Curti su Swiderski (20-22), quindi il 22-23 con un muro su Omrcen. Martino conquista il set point sul 24-22, alla seconda occasione chiude Podrascanin (25-23).

3° SET – Torna in campo Stankovic per Raymaekers. Ancora una buonissima partenza dei maceratesi, trascinati dalla grande efficacia degli uomini di banda, con il solito Omrcen in grande spolvero. Biancorossi avanti 16-13 al secondo time out tecnico con un mani out vincente di Martino, al rientro in campo arriva subito il +4 con un muro vincente di Podrascanin (17-13). E’ la fuga decisiva dei ragazzi di De Giorgi, che chiudono 25-18 e 3-0.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X