Mondiali di baseball:
vincono Macerata e gli Usa

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Usa-Giappone

di Andrea Busiello

Non si vedeva tanta gente sul diamante di Via Cioci dal 1993, quando si disputò la Coppa Intercontinentale di baseball. Questa volta è sempre il baseball il grande protagonista, con il match dei campionati mondiali tra gli Stati Uniti ed il Giappone (nella foto in alto le due squadre al momento degli inni nazionali) andato in scena sul luccicante impianto maceratese. Il match, vinto 4-2 dagli Stati Uniti, ha emesso un verdetto indiscutibile: la città di Macerata ha risposto presente a questo autentico evento che ha visto protagoniste due delle migliori formazioni del mondo in questo sport. Oltre 1.500 infatti gli sportivi maceratesi che sono accorsi a vedere la sfida, che paragonata al calcio può tranquillamente essere definita come l’Italia-Brasile del football. Insomma, per intenderci, in mezzo al campo c’era tanta classe e soprattutto c’erano i detentori mondiali del titolo, ovvero la corazzata statunitense. Match che inizia con il primo lancio della palla effettuato da un personaggio che nel corso degli anni si sta tramutando in simbolo della città, ovvero il libero della Lube Mirko Corsano che è stato chiamato in causa in rappresentanza della Macerata dello sport, ed ovviamente la scelta non poteva che cadere sull’eccellenza sportiva territoriale, la Lube.

Pubblica Usa-Giappone 2

Passando alle note di cronaca del match va sottolineato che l’inning che decide l’incontro è il terzo, dove gli statunitensi con un doppio fuori campo da circoletto rosso con Justin Smoak e Terry Tiffee mettono il timbro sul match portandosi sul 3-0 dopo un terzo di gara. La reazione nipponica c’è, ma il valido battistore statunitense Brad Lincoln non lascia nessuno scampo e così ci scappa anche il quarto punto con la valida di Trevor Plouffe che chiude definitivamente il confronto nonostante la caparbia e tenace formazione giapponese cerchi di ridurre lo svantaggio. Il Giappone le prova tutte e prima Go Yamaoka mette la valida del 4-1 e poi Kenji Suzuki porta a due le marcature dei nipponici. Termina così con un meritato 4-2 in favore degli Usa la prima delle due sfide che hanno visto e vedranno protagonista l’impianto maceratese in questa manifestazione del mondiale di baseball. L’appuntamento ora è fissato per domenica 20 settembre alle ore 20 dove si giocheranno l’accesso alla fase finale Australia e Messico. La Macerata dello sport è chiamata ad un’altra risposta in tal senso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X