Civitanovese, per ribaltare
la finale serve l’impresa

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Giocatori Civitanovese

di Francesco Marinelli

A pochi giorni da quella che si preannuncia la partita dell’anno a Civitanova l’ambiente rossoblu si sta sempre più surriscaldando per la gara di ritorno della finalissima dei play off di Eccellenza che mette in palio un posto in serie D. Tutti lo sanno, non sarà facile, ma si continua a credere ciecamente nelle potenzialità di questa squadra. Si parte dal 2-0 dell’andata dove la Civitanovese (nella foto festante dopo il successo sul Pallavicino) pose le armi, la squadra sarda del Selargius si è dimostrata un forte avversario, il risultato non ha lasciato scampo, in particolare nei primi venti minuti, in cui la squadra di Jaconi è stata completamente in balia dell’avversario subendo due goal da palla inattiva, più altre occasioni non sfruttate anche per merito del portiere rossoblu Spinelli. Nella seduta d’allenamento prima di scendere in campo tutto lo staff tecnico insieme ai giocatori hanno visionato il video della partita di domenica scorsa, cercando di lavorare ancor più dettagliatamente sugli errori commessi. Nonostante l’indiscutibile valore del secondo di Jaconi, Saverio Bongelli, si può ben dire che i giocatori hanno subito anche lo scotto della mancanza del loro “comandante” in panchina, squalificato anche per questa partita. Oltre a ciò bisogna aggiungere la squalifica del bomber Cacciatori, che mancherà, espulso per un fallo di reazione. Le carte in gioco sembrano essere davvero sfavorevoli per la Civitanovese, ma non per questo non si farà di tutto e di più per ribaltare il risultato. Tutto l’ambiente, la città, i tifosi formeranno un blocco compatto intento a sostenere sino all’ultimo secondo di gioco questi colori, poi come sempre sarà il campo a decidere e stilare il verdetto finale. Si immagina soltanto quale potrà essere la cornice del Polisportivo, sono iniziate le prevendite e già è partita la caccia al biglietto. Per l’occasione la società ha realizzato dei biglietti unici, di ottima qualità grafica, in cui sono inscritti tutti i termini per ricordare a lungo, si spera, questa giornata. Un tassello unico per tutti gli appassionati civitanovesi, simbolo di questa squadra e del suo straordinario tifo. Naturalmente ciò che dovrà prevalere, prima di tutto, sarà l’aspetto tecnico, il gioco, il risultato finale. Segnare e segnare presto, per poi dare tutto, cercando di agguantare il totale di un pareggio e realizzare quel goal in più che significherà Serie D e quindi festa per tutta la città, e per il nostro calcio locale. Il Selargius è un avversario molto rispettato, sicuramente, ma la Civitanovese crede nelle sue potenzialità e cercherà di dimostrarle, giocando e vincendo, trainati come sempre, dal “vecchio grande cuore rossoblu”.

DI SEGUITO RIPORTIAMO UN COMUNICATO UFFICIALE DELLA SOCIETA’ CIVITANOVESE CALCIO

Nota ufficiale della Civitanovese Calcio in merito alle dichiarazioni del portiere del Selargius Michele Antinori, riportate dalla testata giornalistica on line “Unione Sarda.it”, in data Giovedì 18 Giugno.
Al riguardo la Civitanovese dichiara come quanto detto desti davvero meraviglia in tutto l’ambiente rossoblu. La società e la squadra hanno minimizzato esprimendo un sincero sorriso sulle labbra, ben sapendo che certe dichiarazioni facciano parte delle cosiddette strategie di training autogeno con la funzione di trasmettere coraggio al proprio interno. Un atleta che dichiari poi della presenza ininfluente di tremila persone allo stadio, dimostra di sentire al contrario, per quel che è il parere della società, la pressione riferita alla partita di ritorno di domenica 21 Giugno. Una pressione tanto più accentuata dalle sue stesse parole, ancora maggiore dopo quanto letto, dal momento che a Civitanova Marche tali dichiarazioni sulla citata slealtà e le dichiarate “minacce” civitanovesi sono diventate di dominio pubblico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X