Civitanovese, ko pesante
Serie D più lontana

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Civitanovese

di Andrea Busiello

Termina con un 2-0 pesante quanto meritato in favore dei sardi del Selargius sulla Civitanovese (nella foto la truppa di Jaconi compatta prima del match) il match di andata che mette in palio un posto in serie D in questa finalissima spareggio del campionato di Eccellenza. Sospinta da un nutrito gruppo di supporters in terra sarda la Civitanovese stecca completamente e mette in serio pericolo l’opportunità di salire in serie D. Un uno-due micidiale ad inizio match, precisamente nel primo quarto d’ora, ha messo ko la compagine di mister Jaconi, nella circostanza in tribuna per scontare le due giornate di squalifica inflittegli dal giudice sportivo, che a dire il vero per come si erano messe le cose avrebbe tranquillamente potuto prendere 3 o 4 goal senza che si potesse recriminare assolutamente. Difficile trovare il bicchiere mezzo pieno, vista anche l’espulsione di Cacciatori, ma almeno si può dire che nella gara di ritorno la Civitanovese avrà l’opportunità di sovvertire il punteggio dell’andata. Qual ora il risultato fosse stato di 3 o 4-0 sarebbe stata impresa epica. La Civitanovese? Oggi ha davvero fatto poca paura ai sardi, apparsi squadra di rango e con diverse individualità di spicco, ma ci sarà da scommettere che nel ritorno in programma domenica prossima a Civitanova alle ore 16,30 un Polisportivo gremitissimo potrebbe dare la spinta giusta verso la rimonta.Andando a vedere qualche nota di cronaca nel primo tempo, come abbondantemente accennato sopra, la Civitanovese paga a carissimo prezzo il primo quarto d’ora di totale imbambolamento difensivo e così i sardi ne approfittano per portarsi subito sul 2-0 grazie alle reti di Porcu al 5′ e Nurchi al 15′. La reazione rossoblù è effimera e così è sempre la truppa di casa ad avere l’opportunità per un pesantissimo 3-0 ma il calcio dalla distanza di Boi si stampa sulla traversa. Prima frazione di gioco che si chiude con lo O sotto la voce “Tiri in porta” per i rossoblù. 2-0 in favore dei sardi del Selargius il parziale. Nella ripresa il leit motif del match non muta più di tanto e così sono ancora i padroni di casa del Selargius a sfiorare il goal del 3-0 ma è bravo Spinelli ad opporsi a Farci. Nel frattempo un’ingenuità madornale (fallo di reazione) di Cacciatori lascia la Civitanovese in 10 e dimezza sempre più le possibilità di realizzare una rete che in ottica ritorno sarebbe di fondamentale importanza. Dopo 5 minuti di recupero termina il match con un 2-0 pesante ma che lascia ancora qualche chance, seppur piccola, alla Civitanovese. Al Polisportivo di Civitanova Marche domenica prossima alle 16,30 ci vorrà un’autentica impresa, ma la truppa di Jaconi non può avere paura: ha tutte le carte in regola per farla.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X