Lotta contro il tempo
per salvare la Rata

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

perrotta_0509-235x200

di Matteo Zallocco

Siamo ormai giunti ai titoli di coda di quello che può essere considerato uno dei campionati più tristi della storia della Maceratese. Il fallimento della gestione Ulissi ha portato inevitabili risvolti negativi sul campo con la squadra ormai condannata alla retrocessione in Eccellenza. Il pareggio (3-3) agguantato domenica nel finale dai molisani dell’Atletico Trivento ha quasi azzerato le chances salvezza. Nell’ultimo turno di campionato (domenica all’Helvia Recina contro il Morro d’Oro) non sarà sufficiente una vittoria per agganciare i play out, bisognerà sperare anche nella sconfitta del Real Montecchio impegnato in casa contro il Chieti.

Comunque vada i tifosi applauderanno la squadra biancorossa e quei giocatori che in questi ultimi mesi in campo hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo. Un gruppo di giovani che a causa delle vicissitudini societarie da mesi non prende nemmeno i rimborsi. Non va dimenticato che a dicembre la squadra è stata smembrata perché molti atleti hanno preferito andarsene dopo la crisi societaria. In quei momenti il timore era che questa giovanissima Maceratese avrebbe rimediato brutte figure sui campi della serie D, e invece i biancorossi hanno lottato fino all’ultimo onorando i colori biancorossi. E va elogiato anche l’allenatore Pasqualino Minuti per come è riuscito a tenere a galla una squadra alla deriva nelle acque di un mare agitato e imprevedibile.

In questi ultimi mesi i riflettori sono stati accesi anche fuori dal campo con una telenovela societaria che ha portato al fallimento. Ora sono rimasti quattro giorni per presentare l’offerta entro il termine consigliato dal curatore falimentare Massimo Bertola per consentire alla squadra di mantenere la categoria.

Nessuno si è ancora fatto avanti. Si è parlato di un interessamento da parte dell’imprenditore abruzzese Di Fabio, oltre a quello della cordata Maceratese composta dagli ex presidenti Maurizio Mosca e Stefano Monachesi e da Massimo Paci. Abbiamo ascoltato quest’ultimo e dalle sue parole la situazione appare complicataa: “In tre non possiamo andare da nessuna parte – dice – bisogna stringere con qualcun altro, purtroppo alcuni contatti non sono andati a buon fine. Da quello che so io ci sarebbero tutti i presupposti per un ripescaggio in serie D

ma riuscire a presentare l’offerta entro la fine del campionato non sarà facile”.

Nella foto: Francesco Perrotta, uno dei migliori giocatori di questa giovanissima Maceratese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X