Rodrigao vuole Giba:
“In finale contro l’Iskra”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

rodrigao-giulianelli

di Andrea Busiello

Oramai il tempo delle chiacchiere è finito. Si parte per Praga dove sabato alle 19 la Lube sfiderà l’Itas Trento per la gara di semifinale della massima competizione continentale, la Champions League. Entrambe le squadre arrivano a questo appuntamento con il vantagio di 2-0 nei play off Scudetto e questo ha permesso di lavorare con maggiore serenità durante la settimana. A poche ore dalla sfida abbiamo ascoltato il parere del centrale carioca Rodrigao.

Rodrigao siamo arrivati alla resa dei conti…

“E si direi proprio di si. Sabato ci giocheremo il lavoro di sei mesi nel match contro Trento. Questa settimana abbiamo lavorato molto bene e sono convinto che abbiamo la giusta carica per affrontare questo incontro”.

Un pronostico sulla gara?

“Difficile. Direi impossibile. Siamo due squadre attrezzate alla stessa maniera e dunque può vincere chiunque. E’ ovvio che la differenza potrebbe farla solo qualche pallone e francamente mi auguro di centrare la finale. Sarebbe una grande soddisfazione”.

Come la vede una finale contro il connazionale Giba (che gioca nell’Iskra)?

“Sarebbe bellissima come finale ed ovviamente molto incerta. E’ ovvio che mi piacerebbe giocare una finale del genere anche perchè poi la vorrei vincere a cospetto dell’amico Giba ma prima bisogna pensare solo a Trento poi vedremo”.

Parliamo di playoff. Treviso è out?

“Non credo. Sarà decisiva gara 3 dove noi saremo ovviamente stanchi a prescindere da quello che succederà a Praga ma dovremo per forza di cose chiudere il conto perchè andare 2-1 e giocare gara 4 da loro sarebbe molto pericoloso”.

Sulla vittoria dello scudetto vede solo Lube e Trento?

“Credo che abbiamo dimostrato in tutta la stagione di essere le squadre piu’ forti e le altre ci sono dietro ma non posso dire che vincerà l’una o l’altra perchè nei play off può succedere di tutto. Noi sappiamo solo che non dobbiamo avere paura di nessuno”.

Quella di Praga rappresenta l’ottava final four europea nella storia della Lube Banca Marche, che in quattordici anni di volley ai massimi livelli ha messo in bacheca una Champions League (2002) e tre coppe Cev (2001, 2005, 2006). Ripercorriamo tutte le kermesse finali continentali che hanno visto protagonisti i biancorossi:

1998: Coppa Cev a Rieti, Lube Banca Marche terza, trofeo al Sisley Treviso),

1999: Coppa Cev a San Benedetto Del Tronto, Lube Banca Marche terza, trofeo alla Domino Palermo)

2001: Coppa Cev a San Sepolcro, la Lube Banca Marche vince battendo Modena in finale.

2002: Champions League ad Opole (Polonia), la Lube Banca Marche si laurea campione d’Europa battendo l’Iraklis Salonicco in semifinale (3-2) e l’Olympiacos Pireo in finale (3-1). Marco Bracci viene eletto miglior giocatore della manifestazione.

2003: Coppa Cev a Jesolo, la Lube Banca Marche perde in finale con il Sisley Treviso.

2005: Coppa Cev a Palma di Maiorca (Spagna), la Lube Banca Marche vince battendo in finale i padroni di casa del Son Amar.

2006: Coppa Cev a Padova, la Lube Banca Marche vince superando in finale i russi dell’Iskra Odintsovo.

2007: Champions League a Mosca (Russia), la Lube Banca Marche perde al tie break in semifinale contro i tedeschi del Vfb Firedrichshafen, che si aggiudicheranno il titolo, e si arrendono poi ai padroni di casa della Dinamo nella finalina di consolazione, concludendo la manifestazione al quarto posto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X