Cresce l’interesse
per l’hockey su prato

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

squadre_picture1-300x211

Una delle discipline sportive che negli ultimi anni si sta facendo spazio nel panorama dello sport provinciale è l’hockey su prato. E’ questo il dato più interessante emerso nel corso di un dibattito organizzato nei giorni scorsi al Pathos di Macerata alla presenza di Walter Marchesini rappresentante dell’hockey Mogliano, Paolo Grandinetti in rappresentanza delle due società di hockey che sono nate a Potenza Picena, Maurizio Passarini in rappresentanza degli arbitri di hockey su prato e Silvano Bacci in rappresentanza del Cus Macerata.
L’hockey Mogliano e l’hockey Potenza Picena (nella foto) partecipano al campionato nazionale di serie A2 maschile. Sia a Mogliano che a Potenza Picena ci sono buoni impianti per giocare ed altri verranno costruiti in un futuro a breve termine. Portare i giovani ad interessarsi di hockey su prato è abbastanza difficile perché il calcio spesso la fa da padrone, ma la Federazione sta cercando di far interessare a questo sport le scuole attraverso progetti di promozione da programmare con i dirigenti scolastici. Mogliano, in passato, ha ospitato parecchie società che volevano praticare questo sport ed oggi ha bisogno di nuovi impianti perché la richiesta di  giovani di giocare ad hockey su prato è in costante aumento. Anche a Macerata negli anni ’50 e ’60 in modo particolare vi era il circolo goliardico che permetteva ai giovani di giocare, oggi grazie al Cus  è stato ricreato l’interesse verso questa disciplina che ha una squadra che, ospitata a Mogliano, disputa il campionato di serie B nazionale e a livello giovanile si sta tentando di ricostruire un vivaio grazie soprattutto al lavoro del CUS e di Silvano Bacci che, recentemente, ha anche preso parte ai campionati mondiali over 60 di hockey su prato disputatisi ad Hong Kong. Poco tempo fa, inoltre, il Santo Stefano di Porto Potenza Picena ha chiesto alla Federazione di poter allestire una squadra che possa disputare il campionato di hockey in carrozzina aperto ai diversamente abili; questo è un progetto sul quale occorrerà lavorare molto in futuro. A livello arbitrale ci sono pochi giovani che si interessano a questa disciplina ed anche in questo caso il responsabile regionale degli arbitri Maurizio Passarini sta elaborando alcuni progetti per risollevare la situazione. Un ultimo dato emerso dal dibattito riguarda il fatto che occorre far iniziare i giovani a praticare questo sport fin da bambini e che, purtroppo, sono poche le ragazze che lo praticano.
Francesco Ciccarelli



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X