Dopo il sisma chiama la madre,
l’anziana non risponde al telefono:
era morta da due mesi

ANCONA - La figlia, residente in un'altra regione, non ricevendo risposta dalla mamma ha fatto intervenire i soccorsi chiamando il 112. Il corpo della 78enne era in avanzato stato di decomposizione
- caricamento letture

polizia1-325x183

La Volante sul posto

Ha chiamato la madre 78enne dopo aver saputo della scossa di terremoto che aveva colpito anche Ancona. A seguito dei numerosi tentativi, non ricevendo alcuna risposta, la figlia ha fatto intervenire il 112 spiegando di essere residente in un’altra regione d’Italia e che la donna viveva da sola.
Tragedia in un’abitazione in via della Ricostruzione, intorno alle 11, quando sono accorse a sirene spiegate le ambulanze del 118. I soccorritori, raggiunto l’edificio, hanno suonato più volte senza che però nessuno gli aprisse la porta. Per questo motivo, credendola in difficoltà a seguito delle due violente scosse che hanno colpito la costa Adriatica, hanno fatto intervenire anche i vigili del fuoco, impegnati in quel momento nell’effettuare diversi sopralluoghi e verifiche.
I pompieri, una volta riusciti ad entrare, hanno subito capito che qualcosa non andava per il forte odore che vi era all’interno dell’appartamento, trovando poi il corpo della donna, una 78enne, morta e in avanzato stato di decomposizione.
Immediata dunque anche la richiesta d’intervento delle Volanti, arrivate sul luogo insieme ai colleghi della polizia Scientifica e al medico legale di turno.
Dai primi esami effettuati sul posto, è emerso che l’anziana donna doveva essere morta da circa due mesi.

(al. big.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X