Sant’Antonio
tra proverbi e filastrocche

IN DIALETTO - Oggi 17 gennaio si festeggia il protettore degli animali
- caricamento letture
mario_monachesi-e1639900684724-325x252

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Befana e Bifania tutte le feste se porta via, ma Sant’Antò’ le ‘ravvia”.
*
“Sant’Antonio del maialino
qui non c’è pane e non c’è vino
qui non c’è legna da bbrusciá’
Sant’Antò’ che duimo fa’?”
Sant’Antonio Abate nasce in Egitto nel 251(circa) d.C. e muore nel deserto della Tebaide il 17 gennaio 357.
È detto anche Sant’Antonio il Grande, Sant’Antonio d’Egitto, Sant’Antonio del Fuoco, Sant’Antonio del Deserto, Sant’Antonio l’Anacoreta e Sant’Antonio del porcello.
È protettore degli animali e di tutti i mestieri strettamente correlati al mondo animale, dai macellai ai tosatori passando per i salumieri che vendevano e vendono prodotti a base di maiale.
“Tempi areto, le rmaste (zitelle) e le vardasce da matrimoniu usava di’:
“O veatu Sant’Antoniu facce fa’ un bon matrimoniu”;
o pure:
“Sant’Antò’ famme spusá’ che so’ stufa de tribbulà'”.
*
“Mejo commatte co’ lu demoniu che co’ ‘na femmena rmasta pe’ Sant’Antoniu”.
*
“Se li diciassette de jenná’, jornu de la festa, nignia era usu di’: “Sant’Antò’ se fa la varba”, se invece pjuia (pioveva): “Sant’Antò’ se rlava la faccia e la tonneca”.
*
Santantonio“Sant’Antò’ da la varba vianca mette la née do’ manca”.
*.
“‘N’antru proverbiu dicia:
“Sant’Antò’ manna fori lu garzó'”. Cioè una volta usava in occasione di questa ricorrenza, dare un giorno di ferie al garzone per dargli modo di festeggiare l’inizio del Carnevale.
*
“Per Sant’Antò abbate, maschere e serenate”.
*
“Chj bon Carnevale vole fa’, da Sant’Antò’ deve cumincià'”.
*
Siamo oramai oltre la metá di gennaio e le giornate iniziano ad allungarsi.
*
“A Natà’ ‘na pedeca de ca’, a Sant’Antò’ un’ora vò’ (un’ora buona).
*
“A Pasquetta un’oretta, a Sant’Antò’ un’ ora vona”.
*
“Sant’Antò’ un’ora e ‘n po’, Sant’Antò’ un passu de vò (bue), Santa Caterina un passu de gajina”.
*
Anni addietro “Sant’Antò'” era una festa importante e molto sentita, specialmente in campagna. I contadini accendevano i classici “focaracci” e, in alcune parrocchie, oltre alla distribuzione del pane benedetto, si allestivano alberi della cuccagna e si ballava “lu sardarellu”.
I festeggiamenti venivano annunciati in anticipo con spari di mortaretti.
Una tradizione voleva che durante la notte del 17 gli animali avessero facoltà di parola.
*

santantonio-benedizione-animale-piazza-civitanova-FDM-14-325x217

La distribuzione del pane benedetto durante la festa di Sant’Antonio del 2019 a Civitanova

“Chj festegghja Sant’Antoniu, tuttu l’annu lu passa vonu”.
*
Nelle immaginette sacre e nelle pitture Sant’Antonio viene raffigurato accanto ad un maiale, simbolo delle tentazioni carnali, accanto ad altri animali, con un bastone a forma di T, una campanella ed una fiammella.
*
Non mancavano le filastrocche spiritose:
“Sant’Antonio de li desertu
se magnava li maccarù
lu demoniu per dispetti
je pijò lu forchettó’.
Sant’Antò’ non se rrabbia
co’ le ma’ se li magna”.
*
Altri proverbi recitavano:
“Sant’Antò’ de lo velluto, famme rtroá’ quello ch’agghjo perduto”.
*
“A San Mauro (15 gennaio) un friddo de rdiaulu, a Sant’Antò’ (17 gennaio) un friddo de rdemoniu, a San Sevastià’ (San Sebastiano, 20 gennaio) un friddo da ca'”.
*
“Sant’Antò’ da la varba vianga o la née o la fanga (o la neve o la pioggia abbondante).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =