Ninfa Contigiani eletta segretaria del Pd,
il gruppo Renis sul piede di guerra
Assemblea con polemiche in via Spalato

MACERATA - Passa per acclamazione la candidata voluta in primis da Irene Manzi e Narciso Ricotta. Scelta contestata da Sonia De Gaetano, Renato Pasqualetti, Massimo Lanzavecchia e Alferio Canesin: «Una parte del partito ha scelto pervicacemente di fare da sola buttando alle ortiche una soluzione equilibrata che avrebbe unito molto di più»
- caricamento letture
NinfaContigiani_PD_Congresso_FF-14-650x434

Ninfa Contigiani oggi durante l’assemblea

di Luca Patrassi (foto di Fabio Falcioni)

Ninfa Contigiani è la nuova segretaria cittadina dei Democrat. L’hanno eletta questa mattina gli iscritti del circolo di Macerata che hanno partecipato all’assemblea che si è svolta nella sede di via Spalato. Candidatura unitaria con polemiche finali visto che la sinistra non ha gradito la proposta che era stata avanzata da Irene Manzi e dall’area ex Popolari che fa capo a Sciapichetti e a Ricotta.

Ricotta_PD_Congresso_FF-13-325x217

Il capogruppo Narciso Ricotta oggi nella sede di via Spalato

La maggioranza aveva trovato un accordo con l’area di minoranza che avrebbe indicato il nome del candidato segretario ed è stata avanzata la candidatura della consigliera comunale Ninfa Contigiani: il nome però non ha aggregato tutta la componente ed è uscito fuori un gruppo – una venticinquina di iscritti guidati da Sonia De Gaetano, Renato Pasqualetti, Massimo Lanzavecchia e Alferio Canesin (nomi che solitamente fanno riferimento al consigliere regionale Romano Carancini) – che ha proposto la candidatura dell’ex consigliere comunale Romeo Renis (oggi assente).

PD_Congresso_FF-12-325x217Serie di riunioni e di ipotesi di mediazione (Renis segretario e Contigiani presidente) fino alla notte prima dell’assemblea. Infine proposta di passo indietro per entrambe le candidature e terzo nome, ma il tutto si è risolto con una fumata nera e il ritorno in pista di Ninfa Contigiani come candidata unica. La proposta è stata votata per acclamazione dai presenti e la Contigiani è la nuova segretaria del circolo Dem: «La mia – spiega la consigliera comunale – è stata una candidatura di servizio, sono stata disponibile a non fare un passo avanti se ci fossero state candidature ancor più condivise, non essendoci il nome che ha aggregato di più è stato il mio. Il nome di Renis l’ho visto esserci, poi non esserci più e poi esserci di nuovo sui giornali. Ora bisogna ripartire dal fare, lavorare sulle tematiche del lavoro, della sanità e del terzo settore; intercettare le trasformazioni sociali, il mondo è cambiato è cambiato e noi dobbiamo iniziare a comprenderlo per arrivare alla soluzione dei problemi».

PD_Congresso_FF-4-325x217

Presente anche Renato Pasqualetti

Operazione Contigiani subito contestata dal gruppo che avrebbe voluto Renis come segretario e che ha diramato una nota per dire: «Già per il congresso provinciale non si è riusciti a lavorare unitariamente come invece si sarebbe dovuto, e l’esito è un partito spaccato a metà. Purtroppo neanche a Macerata, nonostante l’impegno di molti, ci siamo riusciti. E purtroppo le responsabilità sono chiarissime . Abbiamo sempre chiesto che una candidatura unitaria dovesse uscire da un lavoro comune in incontri congiunti, e finalmente così si era cominciato a fare».

contigiani-renis

Ninfa Contigiani e Romeo Renis

Aggiungono De Gaetano, Canesin, Lanzavecchia e Pasqualetti: «L’ultimo incontro di sabato scorso aveva prodotto una ipotesi di grande equilibrio, proposta da Romano Carancini con la disponibilità dichiarata di Angelo Sciapichetti: Romeo Renis segretario e Ninfa Contigiani presidente. Su questo Romano Carancini ha ricevuto il mandato di verificare la praticabilità, sentendo il commissario Giacinti, con la riserva di Irene Manzi a proprie verifiche, e riconvocandosi comunque per il lunedì successivo con l’obiettivo di concludere unitariamente. Poi però l’incontro di lunedì è stato rinviato a martedì nonostante la nostra contrarietà, e martedì sera – a poche ore dal congresso – è stato comunicato che l’ipotesi unitaria non era praticabile e chiesto di azzerare entrambe le candidature».

PD_Congresso_FF-8-325x217

Sullo sfondo il consigliere regionale Romano Carancini

Nella nota si sottolinea: «Il gruppo che riproponeva Romeo Renis ha espresso la sua disponibilità al ritiro così come Ninfa Contigiani. Abbiamo chiesto al commissario Giacinti di convocare subito un incontro prima del congresso per verificare a quel punto altre ipotesi unitarie, ma all’incontro si è risposto che, azzerate le due candidature di Renis e Contigiani, la Contigiani si è prepotentemente riproposta. Il Pd, soprattutto in questa fase di ricostruzione e rilancio, dopo un anno di assenza e ammutolito dalle sconfitte in Comune e in Regione, avrebbe avuto bisogno della maggiore unità e apertura possibili. Così non è stato, per insipienze politiche, volontà di rottura, incapacità di tenere insieme perfino l’area di maggioranza su un’ipotesi considerata dai più di grande equilibrio. Una parte del partito ha scelto pervicacemente di fare da sola buttando alle ortiche una soluzione equilibrata che avrebbe unito molto di più. Continueremo comunque a impegnarci per rinnovare il partito, aprire il Pd alla città e ritrovare uno spirito unitario nel vivo dell’azione concreta».

 

PD_Congresso_FF-16-650x434

Ciaffi_PD_Congresso_FF-15-650x434

Adriano Ciaffi

PD_Congresso_FF-2-650x434PD_Congresso_FF-6-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X