Travolto da un’auto mentre va in bici:
46enne muore dopo 5 giorni di ricovero

MONTECASSIANO - Riccardo Camilletti era stato investito a pochi metri da casa lo scorso sabato. Da allora si trovava in Rianimazione a Macerata, dove oggi si è spento. Lavorava alla ditta Campetella. Appassionato di Muay thai, suonava il basso nella band “Jack And The Jackals”
- caricamento letture
riccardo-camilletti-2_censored

Riccardo Camilletti

 

di Gianluca Ginella

È morto il 46enne investito a Montecassiano sabato scorso. Fatale è stata l’emorragia cerebrale che ha riportato nell’incidente. Riccardo Camilletti è stato investito dalla Fiat Panda guidata da un 85enne lungo la provinciale 361, all’altezza del campo sportivo. Lavorava per la ditta Campetella, dove faceva il magazziniere. Tra le sue passioni c’erano la musica (suonava il basso in una band) e il Muay thai.

Riccardo Camilletti sabato pomeriggio, verso le 17, era quasi arrivato a casa. Gli mancavano una 50ina di metri da fare in sella alla sua bici quando è passata una Fiat Panda con alla guida un uomo di 85 anni che lo ha investito. Camilletti è stato soccorso dal 118 e trasportato all’ospedale di Macerata. Non aveva riportato ferite particolari sul corpo, purtroppo però ha battuto la testa e questo colpo gli ha provocato una grave emorragia cerebrale. Il 46enne è stato ricoverato in Rianimazione ma la situazione era disperata. Questa mattina intorno alle 10 i medici hanno iniziato le operazioni per l’accertamento della morte cerebrale. Un tipo di riscontro che dura sei ore e in cui si controlla se vi sia ancora attività neurologica.

I medici nel corso dell’accertamento non hanno riscontrato attività cerebrale e nel pomeriggio hanno dichiarato la morte di Camilletti. C’è l’ipotesi che vengano donati gli organi. Camilletti non era sposato e non aveva figli. Da molti anni aveva una compagna, Lucia Cavallini. Erano diverse le passioni del 46enne. Tra queste c’era il muay thai, la boxe thailandese, e frequentava l’associazione sportiva Muay Boran Imba di Montecassiano. «Ha iniziato dal 2018 – dice Marco Dari, suo istruttore e amico -. Era un tipo generoso, calmo, bravo. Era uno sportivo, amava la storia, i libri. Lavorava con me alla ditta Campetella di Montecassiano, lui era magazziniere, io ero il suo supervisore. Si può dire che facevamo tutto insieme, dal lavoro allo sport. Oggi è una giornata tragica». Un’altra grande passione di Riccardo è stata la musica. Suonava, e con successo, in una band, “Jack And The Jackals”, che nasce come omaggio alla musica blues degli anni Sessanta. Riccardo era il bassista del gruppo, che conta numerosi concerti nei locali della provincia. Al momento il funerale resta da fissare.

A Montecassiano è la seconda tragedia che si consuma nel giro di pochi giorni. Domenica notte era stato stroncato da un malore Marco Staffolani mentre si trova ad assistere ad una partita di calcio a casa di amici. Il funerale del 29enne si svolgerà domani mattina alle 10 nella chiesa collegiata di Montecassiano.

Scontro tra auto e bici, grave un 46enne



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X