Crisi Covid, aiuti dal Comune:
buoni spesa per le famiglie

TOLENTINO - Il Comune ha deciso di proporre una serie di contributi per dare sostegno anche su affitti e pagamento delle bollette
- caricamento letture
giuseppe_pezzanesi-e1570892020289

Il sindaco Giuseppe Pezzanesi

 

Il comune di Tolentino assegna buoni spesa per prodotti alimentari, per la cura della persona e acquisti di prima necessità e aiuti per il pagamento delle utenze domestiche e l’affitto. Si tratta di contributi per aiutare le famiglie in difficoltà per la pandemia. «Considerando il periodo difficile che stanno attraversando tante famiglie – dicono il sindaco Giuseppe Pezzanesi e l’assessore alle Politiche Sociali Francesco Pio Colosi – tenendo conto anche della normativa di riferimento, è intenzione del Comune emettere buoni spesa nominali a favore di soggetti in difficoltà economica per effetto dell’emergenza Covid, per l’acquisto di prodotti alimentari e per l’igiene della persona e della casa e di beni di prima necessità oppure per l’erogazione di un contributo per il pagamento delle bollette delle utenze domestiche o per il canone di locazione. Ci auguriamo che questi buoni spesa o contributi possano essere di aiuto per tutte quelle persone che si trovano in difficoltà o situazioni di disagio economico derivanti dalla crisi scatenata dalla pandemia». Il beneficio ha carattere di una-tantum. 

Per accedere alla richiesta del buono spesa gli interessati dovranno compilare il modulo disponibile su apposita piattaforma collegandosi al link https://voucher.sicare.it/ e compilando i campi indicati. Non sarà possibile presentare la domanda in forma cartacea. Alla domanda va allegato il documento di identità anche in formato foto. L’istanza dovrà essere presentata solo ed esclusivamente da uno dei componenti il nucleo familiare. Possono presentare domanda i cittadini residenti che si trovano nelle seguenti situazioni di bisogno derivanti dall’emergenza Coronavirus, con il seguente ordine di priorità: i nuclei familiari o persone sole, già a carico del Servizio Sociale non beneficiari di forme di sostegno economico quali: Reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, contributo per l’affitto, Naspi, cassa integrazione ordinaria, cassa integrazione straordinaria, cassa integrazione in deroga, oppure che usufruiscono di prestazioni non significative dal punto di vista del reddito; persone in difficoltà economica, anche momentanea, a causa dell’emergenza Coronavirus. Entità dei buoni spesa: 150 euro per nucleo monofamiliare, 250 euro per nucleo di due o più persone adulte. Cento euro per ogni figlio minore fino ad un massimo di € 600,00 a famiglia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X