Terminal dei bus, attenzione massima
«Capienza dell’80% rispettata
ma al limite nelle aree più popolose»

MACERATA - La stazione dei pullman è stata presidiata all'uscita delle scuole da polizia municipale e steward privati che hanno controllato distanziamento e uso della mascherina. Il presidente di Contram Stefano Belardinelli: «Verifichiamo che tutto il percorso sia in sicurezza, dall'ingresso fino alla fermata di arrivo». Sulla struttura: «E' sottodimensionata rispetto alle esigenze del capoluogo, ma lo era già prima del Covid»
- caricamento letture
TerminalBus_FF-9-650x434

Studenti al terminal dei bus di piazza Pizzarello

 

di Alessandra Pierini (Foto di Fabio Falcioni)

Un serpentone colorato di giovani in zainetto si è riversato alle 13 verso il terminal dei bus in piazza Pizzarello a Macerata. Sarebbe un inno alla gioventù e alla vitalità se non fossimo nel mezzo di una pandemia che ha reso il momento dell’uscita da scuola e del ritorno a casa in autobus un temibile e potenziale veicolo di contagio. 

TerminalBus_FF-11-325x217

Numerosi steward all’ingresso e all’uscita

E’ così che al Terminal dei bus gestito da Contram, la parola d’ordine è controllo. Non ci sono frequentatori capaci di sfuggire all’occhio attento dei numerosi steward presenti, i quali non fanno passare nessuno fuori dai percorsi indicati e invitano ma categoricamente ad indossare la mascherina tutti coloro che, per distrazione o per altro, la portano abbassata. I controlli iniziano già davanti al bar, dove stazionano anche gli agenti della polizia locale che hanno anche multato delle auto irregolarmente in sosta lungo la strada.
Massima attenzione anche all’arrivo dei pullman e al rispetto della capienza, limitata dalla legge all’80% del possibile. 

TerminalBus_FF-15-325x217

Stefano Belardinelli, presidente di Contram

«Verifichiamo che tutto il percorso sia sicuro – spiega Stefano Belardinelli, presidente di Contram – dall’arrivo nel terminal, fino alla salita in bus e poi a bordo. In base ai primi dati raccolti nella corsa della mattina, abbiamo visto che in area montana la capienza arriva al 70%, nelle zone più popolose siamo vicino all’80. Per quanto riguarda gli autobus più grandi, la percezione dall’esterno è che siano pieni ma così non è. Anche in quel caso sono all’80% della capienza che è elevata».

Di certo il numero dei bus è aumentato rispetto alla fase pre covid ma si cerca anche di evitare sprechi. «La Regione stessa – spiega Belardinelli – ci richiama ad un utilizzo razionale delle risorse. Fare una corsa bis per 4 o 5 persone non è pensabile».
TerminalBus_FF-12-325x217Se il bilancio del primo giorno è positivo, Belardinelli non nasconde che il terminal è sottodimensionato rispetto alle esigenze del capoluogo:  «Qui entrano 26-27 autobus quando ne arrivano anche 40 contemporaneamente. La struttura andrebbe raddoppiata e dovrebbe avere l’entrata su un lato e l’uscita dall’altro. Era in sofferenza prima, col Covid la situazione peggiora. Nonostante questo, viene tenuto come un gioiellino anche grazie alla collaborazione costante e continua con la polizia».

 

TerminalBus_FF-4-650x434

 

TerminalBus_FF-8-650x434

Una auto multata lungo la strada

TerminalBus_FF-1-650x434

TerminalBus_FF-2-650x434

TerminalBus_FF-3-650x434

TerminalBus_FF-5-650x434

TerminalBus_FF-6-650x434

TerminalBus_FF-7-650x434

TerminalBus_FF-10-650x434

 

TerminalBus_FF-13-650x434

Macerata, il ritorno a scuola pesa sulla viabilità «Dipende dal passaggio a livello»

«Alla Fermi lavori per l’ascensore, si mangia in palestra e niente ginnastica: questa amministrazione crea il caos»

Portano i figli a scuola ma trovano i cancelli chiusi «Nessuno ci ha avvisato dello sciopero»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X