Malore mentre guarda la tv:
muore Americo Sbriccoli,
decano dei medici

MACERATA - Il presidente emerito dell'Ordine si è spento ieri sera nella sua abitazione. Era stato il più giovane primario chirurgo della provincia, aveva diretto i reparti di Treia, Tolentino e Macerata. Il funerale giovedì alle 10 nella chiesa di Santa Madre di Dio
- caricamento letture

 

americo-sbriccoli

Il presidente Americo Sbriccoli

 

di Alessandra Pierini

Decano dei medici, presidente emerito dell’Ordine dei Medici di Macerata, è morto improvvisamente ieri sera a 88 anni il professor Americo Sbriccoli. Si è spento nella sua abitazione colto da un malore mentre guardava la televisione. Con lui in casa la moglie Marilena Morbiducci. 

Il professor Sbriccoli si era laureato in Medicina a Roma nel 1958 per poi diventare il più giovane primario chirurgo della provincia di Macerata. Nel 1972 ha ottenuto la libera docenza in Patologia speciale chirurgica. Stimatissimo primario chirurgo, prima a Treia, poi a Tolentino e infine a Macerata, era il più grande dei cinque fratelli Sbriccoli: Mario, studioso di fama internazionale e autorevole docente dell’Università di Macerata morì il primo agosto 2005, qualche anno dopo la scomparsa di Silvio, il più giovane dei cinque, che lavorava nel settore pubblicitario a Milano.

sbriccoli-mari

Il presidente dell’Ordine dei medici di Macerata Americo Sbriccoli durante la lettura della formula di giuramento

Nel 2013 invece era morto improvvisamente Enrico Sbriccoli, meglio conosciuto come Jimmy Fontana, celebre cantante e compositore. Legatissima ai fratelli con cui tornava a trascorrere le vacanze estive a Civitanova e tutte le feste natalizie, la sorella Rita, l’unica ancora in vita. Americo Sbriccoli è stato presidente dell’ordine dei medici per 23 anni fino al 2017, per poi essere nominato presidente emerito. Appassionato di viaggi, aveva girato il mondo con la moglie e con un gruppo di affezionati amici, tra i quali il giornalista Giancarlo Liuti, morto lo scorso anno. Amava la musica e ogni volta che aveva vinto un nuovo concorso da primario si regalava una nuova edizione della IX Sinfonia di Beethoven. Collezionava libri e dischi che riponeva ordinatamente su scaffali in legno con intarsi fatti a mano da lui. Era anche un fabbro eccellente. «Le sue mani – ricorda Maria Colcerasa – amica di famiglia e tra le prime ad accorrere dopo il malore – erano d’oro in ogni campo. Lo contraddistingueva una simpatia innata per cui tutti lo conoscevano e stimavano». Oltre alla moglie, alla quale era legato da un amore profondo, lascia due figlie Silvia e Antonella e sei amati nipoti. Il funerale si svolgerà giovedì 3 giugno alle 10 nella chiesa di Santa Madre di Dio. Alla famiglia Sbriccoli le più sentite condoglianze della redazione di Cronache Maceratesi.

 

https://www.cronachemaceratesi.it/wp-admin/post.php?post=1533085&action=edit

«Addio Giancarlo, Macerata grande è esistita solo perché c’erano bravi maceratesi come te a sostenerla»

Sbriccoli, una famiglia tutta maceratese Il fratello Americo ricorda Jimmy



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X