Kovar: «Di vincere non ci si stanca mai,
soprattutto con questi colori»

VOLLEY - Le parole del veterano biancorosso dopo la vittoria del sesto Scudetto della Lube, il suo quinto personale: «Non nascondo che c’è ancora tanto rammarico per aver steccato l’andata dei quarti di finale di Champions, ma va detto che dopo quel passo falso è arrivato il salto di qualità del gruppo»
- caricamento letture
scudetto-lube-FDM-12-650x433

L’esultanza Lube dopo la vittoria contro Perugia che ha regalato lo scudetto

 

Il sesto Scudetto della Lube Civitanova coincide con il quinto vinto in biancorosso dal veterano Jiri Kovar, bandiera del team da dieci anni, periodo condiviso con il preparatore Massimo Merazzi. Una decade ricca di trofei e coronata dalla doppietta di questa stagione.

Kovar, da quando è alla Cucine Lube ha vinto 12 trofei: 1 Mondiale per Club, 1 Champions League, 5 Scudetti, 3 Coppe Nazionali, 2 Supercoppe.
«Di vincere non ci si stanca mai, soprattutto con questi colori. Poi si sa che l’appetito viene mangiando».

Kovar_vittoria-scudetto-lube-2017_Foto-LB-1-325x217

Jiri Kovar, mvp della finale Scudetto vinta nel 2017

Qual è il titolo che le ha dato maggiori soddisfazioni?
«Senza dubbio lo Scudetto vinto nel V-Day al Forum di Assago contro Trento. Il primo in maglia Lube, al culmine di una grande rimonta contro rivali tosti».

La vittoria più sofferta?
«Se andiamo ad analizzare la stagione intera posso sbilanciarmi e indicare proprio lo Scudetto 2020/21. L’annata è stata lunga e complicata, tra un torneo a singhiozzo, i mille tamponi, i Quarti di Finale Play Off senza due titolari fuori per il Covid-19, gli abbinamenti contro le squadre più scomode e la delusione in Champions League».

Tanti fuoriclasse, ma il valore e la compattezza del gruppo hanno avuto un ruolo determinante.
«Esatto. Non nascondo che c’è ancora tanto rammarico per aver steccato l’andata dei quarti di finale di Champions compromettendo la qualificazione, nonostante la gara super al ritorno in Polonia. Volevamo arrivare in fondo per difendere il titolo, ma va detto che dopo quel passo falso è arrivato il salto di qualità del gruppo. Abbiamo vinto lo Scudetto da squadra».

Kovar

Jiri Kovar

Avere Kovar pronto a subentrare è un lusso…
«Mi alleno e lavoro sodo per farmi trovare preparato. Ovviamente si vince e si perde tutti insieme, quindi se la squadra ha bisogno di me non mi tiro indietro. Forse quest’anno ho avuto meno chance rispetto al precedente, ma il piacere e l’impegno sono gli stessi di sempre».

La sua è una luna di miele perenne in biancorosso.
«Qui mi sono sempre trovato bene. Amo la maglia, la società e i tifosi. Ho anche rinunciato a offerte piuttosto sostanziose nel corso degli anni da parte di Club italiani e non. Mi è capitato di fare riflessioni, ma poi sono rimasto qui e sono felice della mia scelta».

Come ci si sente a essere una bandiera?
«Ci tengo a precisare che ognuno fa le sue valutazioni e ogni decisione va rispettata. Non siamo milionari come i calciatori e non giochiamo all’infinito. Chi insegue offerte importanti o vuole mettere da parte tesoretti per la sua famiglia ha tutte le ragioni di questo mondo. Io qui alla Lube mi sono trovato bene sotto tutti gli aspetti e ho instaurato un legame speciale».

Si è conclusa una stagione estenuante con due titoli all’attivo. Ora?
«Questo è il momento del relax. Voglio trascorrere del tempo in tranquillità con mio figlio e mia moglie. I tanti impegni in trasferta mi tengono spesso lontano da casa. Adesso posso godermi il focolare. Prima, però, dedico un doppio abbraccio tricolore ai tifosi della Lube».

 

La Lube che verrà dipende da Rychlicki: se parte ecco Lucarelli e Lisinac Zaytsev pronto al ritorno in biancorosso

I Giulianelli, i Sileoni e… i Massaccesi Tre famiglie al centro del sogno Lube «Ciclo finito ma vogliamo restare al vertice»

 

I campioni d’Italia alzano il trofeo (Video) La gioia di Juantorena, De Cecco e Simon

Festa Lube, Giulianelli incontenibile: «Premiato un anno di sacrifici Questo lo Scudetto più meritato»

Chicco Blengini concede il bis «Lo Scudetto è sempre magico»

Civitanova e Treia esultano: «Grazie Lube, nostro orgoglio»

CAMPIONI D’ITALIA Sesto Scudetto alla Lube Civitanova veste ancora tricolore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X