Nasce Incroci, nuova civica
per Civitanova 2022

COMUNALI - La lista sulla quale è al lavoro Natalia Conestà (Demos e Civica popolare) verrà presentata a giugno. Ancora non c'è un candidato sindaco, temi fondativi il dialogo fra centro e periferie, riqualificazione dei luoghi come il Varco sul mare
- caricamento letture
civica-popolare-lorenzin-conestà-civitanova-FDM-2-325x217

Natalia Conestà

 

Esce allo scoperto una nuova lista civica. Si chiama “Incroci” e fa capo a Natalia Conestà, candidata alle elezioni regionali per Demos e nel 2018 al senato per Civica popolare. Prevista per giugno la presentazione della lista e l’inizio delle consultazioni per l’individuazione di un candidato sindaco. A qualche giorno dalla presentazione di Vinicio Morgoni con la lista La nostra città, il mondo civico si arricchisce di una nuova lista che intende presentare il proprio progetto per le elezioni amministrative di Civitanova 2022. Si chiama Incroci: «si tratta di un progetto del tutto nuovo, come molte persone che non hanno mai fatto politica – spiega la promotrice Natalia Conestà – La lista Incroci, dalle periferie al centro si pone in dialogo con tutti ed è aperta a collaborare con tutti coloro che ne condividano le idee e la visione di città, che si deve occupare dei problemi di tutti e di tutte le zone che vi fanno parte. Questa lista nasce da una mia idea – continua Conestà – che ho elaborato insieme ad alcuni amici di Santa Maria Apparente e Civitanova Alta, nonché della Civitanova marinara». Nel logo si declina già il manifesto politico: l’incrocio è un collegamento fra centro e periferia e il ragionamento attorno alla comunicazione fra questi ambienti è uno dei temi che la lista intende portare avanti. Soprattutto per la differenziazione di servizi fra chi vive in centro e chi in periferia. «Per questo al primo punto del programma abbiamo ipotizzato di differenziare le tariffe Tari e Imu. Il secondo punto riguarda l’arretramento della ferrovia, con una stazione ferroviaria in zona Santa Maria Apparente e la costruzione della famosa bretella che collega la zona industriale con l’imbocco dell’autostrada». Sulla sanità la Conestà torna a parlare dell‘ospedale Covid nella struttura fieristica  e ne prevede lo smantellamento, mentre per il Varco sul mare la lista propone di usare quello spazio per attività culturali e turistiche.

(l. b.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X