Pestato in corso Cavour, è gravissimo
«Ha una bimba e una compagna
speriamo possa tornare da loro»

MACERATA - Il Pd esprime solidarietà al 36enne preso a calci e pugni ieri sera, che ora è ricoverato in terapia intensiva. Di origine veneta, vive in città con la fidanzata e la figlia di due mesi. I dem: «Ci siamo già attivati per darle il supporto necessario, auspicando che anche l’amministrazione in carica esprima vicinanza e supporto». Polizia a caccia degli aggressori, sentiti i testimoni
- caricamento letture

polizia-volante

 

«Ciò che è successo ieri sera a Corso Cavour non è un fatto trascurabile: si tratta di un pestaggio di una ragazzo ora in terapia intensiva con la vita appesa a un filo, non esattamente una “banale aggressione”». Sono le parole del comitato dei garanti e dei consiglieri comunali del Pd dopo quanto successo ieri sera a Macerata. Un 36enne, lavoratore nel campo dell’edilizia per un’azienda di Montecassiano, verso le 20, dopo aver preso qualcosa in un bar di corso Cavour con un amico, è uscito e davanti al bar-pasticceria è stato selvaggiamente pestato da due o tre persone, che poi sono fuggite.  Le indagini, condotte dalla Squadra mobile, sono in corso. E’ caccia agli aggressori  e un aiuto fondamentale potrebbe arrivare dalle testimonianze, oggi sono stati sentite alcune delle persone che hanno potuto vedere qualcosa. In zona pare non ci siano telecamere che abbiano ripreso la scena. L’uomo, intanto, dopo il pestaggio è stato ricoverato. E’ in terapia intensiva e la prognosi è riservata: le sue condizioni sono gravissime. «C’è una famiglia in difficoltà – dice il Pd –  la sua compagna con una figlia nata da due mesi che non hanno sentito la vicinanza delle istituzioni tutte. Noi come Pd siamo vicini alla compagna sola in città  (le famiglie lontane perché la vittima è veneta) e ci siamo già attivati per darle il supporto necessario, auspicando che anche l’amministrazione in carica- nella figura soprattutto dell’Assessora ai servizi sociali – esprima vicinanza e supporto, morale logistico e fisico. Esprimiamo pertanto anche tutta la nostra solidarietà a questa giovane famiglia della nostra comunità, sperando che il papà possa tornare dalla sua bambina».

(redazione CM)

Aggressione in corso Cavour, 36enne in prognosi riservata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X