Gli stipendi dei consiglieri regionali:
Carancini prende quasi quanto Acquaroli,
Leonardi e Marinelli guadagnano di più

COSTI/2 - L'ex sindaco di Macerata ottiene circa un centinaio di euro in meno al mese rispetto al governatore, anche Anna Menghi e Borroni prendono la medesima cifra. I consiglieri di Porto Recanati e Castelraimondo incassano una somma maggiore perché presidenti di commissione
- caricamento letture

 

leonardi-marinelli-carancini-menghi

Dall’alto: Elena Leonardi, Renzo Marinelli, Romano Carancini e Anna Menghi

di Luca Patrassi

Da statuto, quindi da un atto risalente nel tempo e motivato da chissà quali valutazioni di filosofia politica, una qualunque funzione di vertice all’interno del Consiglio è remunerata più di quelle svolte in giunta, ad iniziare dal governatore. Non solo il presidente del Consiglio regionale Dino Latini (11.269 euro), i vicepresidenti Andrea Biancani (10.912) e Gianluca Pasqui (10.952 euro) hanno un mensile superiore – il dato si riferisce alla liquidazione delle competenze di novembre – a quello del governatore della Regione Francesco Acquaroli (9.516 euro) ma anche diversi consiglieri regionali con incarichi “minori”. I presidenti di commissione hanno una indennità di funzione di 700 e rotti euro. Elena Leonardi, esponente di FdI, portorecanatese, ha una indennità mensile di 7.101 euro, un rimborso spese fisso di 2.700 euro e un rimborso variabile che a novembre è risultato di 312 euro: totale 10.113 euro. Altro maceratese presidente di commissione è Renzo Marinelli, già sindaco di Castelraimondo, esponente della Lega: anche per lui l’indennità è di 7.101 euro, il rimborso spese complessivo è di 2.896: totale 9.997 euro. Il fronte dei “semplici” (senza ulteriori incarichi) consiglieri regionali: la leghista maceratese Anna Menghi è a 6.400 euro di indennità e 2.933 di rimborso spese, il civitanovese Pierpaolo Borroni, Fdi, è a 6.400 euro di indennità e 2.925 di rimborsi spese, il democrat maceratese Romano Carancini è a 6.400 euro di indennità e 2.992 di rimborsi spese. Oltre ad Acquaroli, in giunta tra i maceratesi c’è l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini: per lui 6.400 euro di indennità e 3.168 euro di rimborsi spesa. Per gli amanti dei calcoli dei compensi lordi e del netto va precisato che ad essere sottoposte a ritenute sono le indennità e non i rimborsi spesa che restano al riparo dalla tassazione anche se indicati con una quota fissa.

 

Incarichi e stipendi in Regione Latini, Pasqui e Biancani al top: guadagnano più del governatore



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X