Canil a Macerata, incontro con Carancini:
Matelica sempre più vicino all’Helvia Recina

LEGA PRO - Il patron ha parlato con il sindaco per definire l’accordo relativo all’utilizzo dello stadio, le parti sembrano essere davvero vicine. Il club biancorosso dovrà presentare i documenti per l’iscrizione al campionato entro mercoledì, l'intesa con il Comune potrebbe essere ufficializzata nelle prossime ore
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

canil-macerata-2-650x488

Mauro Canil oggi pomeriggio in piazza della Libertà a Macerata

 

di Mauro Giustozzi

Blitz di Mauro Canil e dell’entourage dirigenziale del Matelica nel pomeriggio a Macerata per cercare di definire l’accordo per l’utilizzo dello stadio Helvia Recina come impianto dove poter disputare le partite casalinghe nella prima storica stagione di serie C della matricola. Il tira e molla con il Comune di Macerata sui costi per l’affitto dello stadio, contratto che prevederebbe la disputa sia delle partite di campionato che quelle di Coppa Italia, ha fatto ulteriori passi in avanti, alcune situazioni sono state limate e le parti sembrano essere davvero vicine a raggiungere un accordo che potrebbe anche arrivare nell’arco delle prossime 48 ore. E che poi dovrà essere ratificato dagli uffici del comune capoluogo.

Orlandi-Micciola-e-Canil

Mauro Canil con la moglie Sabrina Orlandi e il ds Francesco Micciola

La società Matelica si è presa ancora qualche giorno prima di esprimere quella che, comunque, sembrerebbe al momento la soluzione più idonea e praticabile. Le alternative Ancona e Gubbio appaiono oggi decisamente più lontane. Del resto lo stadio di Macerata era stato posto in pole position dalla dirigenza matelicese, una volta appurato che sarebbe stato impossibile mettere a norma l’impianto della cittadina dell’entroterra per via degli altissimi costi che ciò avrebbe comportato al Comune di Matelica. Nero su bianco non è stato ancora messo, quindi nessuno può escludere ulteriori colpi di scena in questa vicenda. Ma, con le scadenze alle porte, il 29 luglio il Matelica dovrà presentare alla Lega Pro gli incartamenti per l’iscrizione al campionato dentro i quali inserire lo stadio dove giocare la prossima stagione, è chiaro che anche il patron Canil deve prendere la decisione definitiva.

canil-macerata-1-325x334Trattativa lunga che viene portata avanti da qualche settimana e non facile quella che appare oggi in dirittura di arrivo. Sia per i costi di affitto dell’Helvia Recina, che erano stati testati già cinque anni fa dalla Maceratese della presidente Tardella, che anche per tutto il corollario che comporta ospitare gare di serie C, con impegno di polizia locale e forze dell’ordine nell’opera di controllo dell’area attorno allo stadio e delle vie di collegamento. Ma il Matelica ha dato dimostrazione di volere a tutti i costi giocare la sua prima stagione nei professionisti e, con buon senso e spirito di venirsi reciprocamente incontro, le parti, Comune di Macerata e società Matelica, si sono avvicinate e adesso veramente l’accordo sembra essere ad un passo. Del resto anche nelle dichiarazioni del direttore generale Nocelli dei giorni scorsi era trapelata la voglia di valorizzare il territorio locale con questa vetrina della serie C e quindi l’approdo naturale non poteva che essere l’unico stadio provinciale a norma per ospitare incontri della terza serie. Senza riandare al progetto di calcio provinciale che Mauro Canil aveva sponsorizzato negli anni addietro e che potrebbe nascere in futuro proprio grazie alla presenza del Matelica in città. In questa vicenda un ruolo importante ha svolto anche la Maceratese di Alberto Crocioni che non si è messa di traverso, nonostante fosse la società che utilizza l’impianto e che nella prossima stagione invece dovrà dividerlo col Matelica. Anzi, la dirigenza biancorossa ha espresso un parere comunque favorevole all’approdo di una realtà che, al momento, disputa un campionato di gran lunga più importante e che porterà il nome di Matelica, ma anche di Macerata giocando nel suo impianto, alla ribalta nazionale e nelle dirette tv di cui gode il campionato di serie C. Non è detto poi che da questa vicinanza, anche se legata al momento alla sola disputa delle partite casalinghe, in futuro non possano aprirsi spiragli di una collaborazione più ravvicinata tra i due club di cui entrambi potrebbero beneficiare. Non resta che attendere quindi le prossime ore e l’annuncio ufficiale che definisca i termini dell’accordo e il via libera all’approdo del Matelica allo stadio Helvia Recina per la stagione 2020-21 di serie C.

«Canil sarebbe il benvenuto a Macerata» Da Ricotta a Sacchi, la politica apre le porte

Matelica verso il salto in serie C, Canil: «Progetto Macerata tramontato La politica messa davanti allo sport»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X