E LUCE FU
La serenata accende la piazza (Foto)

MACERATA - Inaugurata sulle note del Don Giovanni la nuova illuminazione di piazza della Libertà. Il testamento da sindaco di Romano Carancini: «Spero che chi verrà dopo di noi proseguirà questo cammino con vicolo Consalvi e le mura». Centrosinistra presente in massa, assente il centrodestra cittadino, compreso il presidente della Provincia Antonio Pettinari chiamato in causa da Vando Scheggia (Abamc): «Le serrandine del palazzo del governo vanno rimosse»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

LuciDiPiazza_FF-26-650x434

Piazza della Libertà con la nuova illuminazione

 

di Alessandra Pierini (foto di Fabio Falcioni)

Si sono accese a ritmo di musica le “Luci di Piazza” a Macerata. Palazzo comunale, loggia dei Mercanti, San Paolo, teatro Lauro Rossi, torre civica e palazzo Rotale si sono illuminati pezzo pezzo, come in un puzzle, seguendo le note, neanche a dirlo, delle arie più famose del Don Giovanni di Mozart, in programma il 17 luglio allo Sferisterio.

LuciDellaPiazza_FF-14-325x217

Il soprano Fiammetta Tofoni in cima alla torre civica

Piazza della Libertà buia e popolata di maceratesi in mascherina (non tantissimi, gli ingressi erano contingentati) e seduti a rigorosa distanza, si è così riscoperta nella sua nuova veste. Dalla balconata del Palazzo comunale il tenore Giacomo Medici ha intonato la sua serenata lirica alla soprano Fiammetta Tofoni che intanto stendeva veli bianchi dall’alto della torre. Un sentimentale scambio proseguito a intramezzare gli interventi fino all’incontro finale dei due per la sigla di chiusura della serata.
L’aria che si respira non è quella di una semplice inaugurazione ma quella dei saluti in pompa magna, della fine di un percorso con gli assessori e molti dei consiglieri della Giunta Carancini schierati subito dietro le autorità, nell’assenza corale del centrodestra e la sedia del presidente della Provincia Antonio Pettinari rimasta desolatamente vuota. A confermarlo l’intervento del sindaco Romano Carancini che, in una sorta di testamento da sindaco, ha ripercorso le tappe che, guidate da una light strategy, hanno portato all’illuminazione dei principali monumenti cittadini (l’estate scorsa lo Sferisterio) per poi chiosare: «Mi hanno chiesto di fare un discorso istituzionale ma io voglio essere me stesso.

LuciDellaPiazza_FF-15-325x217

Il discorso del sindaco Romano carancini

Ci hanno fatto accuse, offese usate come clava alle persone per questo progetto, stasera smentiamo con i fatti idee che ben individuati soggetti hanno tentato di far passare ad arte. E’ stata un’avventura entusiasmante e speriamo che chi verrà dopo di noi continuerà la nostra opera illuminando vicolo Consalvi e le mura ad esempio».  Poi le rivendicazioni: «Niente è più come prima, la nostra scelta è stata andare oltre le facili abitudini per battere nuove strade». Per finire con l’abbraccio ai suoi assessori «con cui abbiamo lavorato coralmente» e con l’immancabile citazione di Giorgio La Pira “Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito altrimenti muore”.

LuciDellaPiazza_FF-12-325x217

Il prefetto Iolanda Rolli e dietro di lei Vando Scheggia

La serata è stata aperta dall’applauso per il prefetto Iolanda Rolli che lascerà Macerata alla volta di Reggio Emilia, poi il saluto a Davide Livermore (regista del Don Giovanni, appena arrivato in città), quindi l’accensione delle luci e il lungo discorso di Carancini. Poi, introdotto da Claudio Ricci che ha condotto la serata, Vando Scheggia, presidente dell’Accademia di Belle Arti, partner nella realizzazione del progetto che, rivolto verso corso della Repubblica ha richiamato l’attenzione della Provincia: «Le luci mostrano il bello ma anche il brutto della città, ad esempio le serrandine del palazzo del governo vanno sostituite o rimosse» ha detto, strappando l’ applauso del pubblico. E’ salito poi sul palco l’assessore e candidato sindaco del centrosinistra Narciso Ricotta che ha passato in rassegna gli aspetti pratici: «Abbiamo installato 222 corpi illuminanti – ha detto – sostituendo i 35 che c’erano prima. Questo grazie alle moderne tecnologie consentirà di ridurre il consumo annuo da 44mila a 21 mila kilowatt».
E’ stata poi la volta di Rossella Ghezzi, direttrice dell’Accademia di Belle Arti e di Francesca Cecarini, responsabile del progetto che, a dimostrazione del grande lavoro di squadra fatto ha invitato sul palco i colleghi Mascia Ignazi e Rossano Girotti e gli studenti Sara Cerquetti e Antonio Leli e ha citato tutte le aziende (tra cui Atlantico spa, Mariani, Eredi Paci, Guzzini Illuminazioni, Paolo Tasso ed Edilizia Acrobatica) e persino i nomi dei tecnici impegnati.
Hanno chiuso il cerchio Luciano Messi, sovrintendente del Macerata Opera Festival e Barbara Minghetti, direttrice artistica: «La prima volta che sono salita da piaggia della Torre – ha ricordato – ho trovato in questa piazza un parcheggio, ora è molto più bella ed è bianca come il bianco coraggio tema della stagione che sta per iniziare».

LuciDellaPiazza_FF-11-650x434

PalazzoPrefetto_Tapparelle_Bandiere_FF-34-650x434

Il Palazzo della Prefettura e le tapparelle da rifare

 

LuciDiPiazza_FF-35-650x434

Romano Carancini con l’imprenditore Adolfo Guzzini: la sua azienda ha prodotto gli apparecchi illuminanti

LuciDiPiazza_FF-31-650x434

LuciDiPiazza_Minghetti_Messi_FF-32-650x434

Barbara Minghetti e Luciano Messi, direttrice artistica e soprintendente del Macerata Opera Festival

LuciDellaPiazza_FF-6-650x434

LuciDiPiazza_Guzzini_FF-2-650x434

Narciso Ricotta, Adolfo Guzzini e l’avvocato Vando Scheggia, presidente dell’Accademia di Belle Arti

LuciDiPiazza_FF-24-650x434

LuciDiPiazza_FF-25-650x434

LuciDellaPiazza_FF-19-650x434

Da sinistra Paolo Micozzi, Angelo Sciapichetti e Narciso Ricotta

LuciDellaPiazza_FF-1-1-650x434

LuciDiPiazza_FF-29-650x434

LuciDiPiazza_FF-24-650x434

LuciDellaPiazza_FF-4-650x434

LuciDellaPiazza_FF-13-650x434

LuciDellaPiazza_FF-15-650x434

LuciDellaPiazza_FF-16-650x434

LuciDellaPiazza_FF-18-650x434

Il sindaco Carancini con la presidente della Fondazione Carima Rosaria Del Balzo e l’assessore Canesin

LuciDellaPiazza_FF-20-650x434

LuciDellaPiazza_FF-22-650x434LuciDellaPiazza_FF-2-650x434

 

LuciDellaPiazza_FF-14-650x434LuciDellaPiazza_FF-8-650x434

LuciDellaPiazza_FF-9-650x434

LuciDellaPiazza_FF-3-650x434

illuminazione-piazza-libertà

 

LuciDellaPiazza_FF-7-650x434

 

LuciDellaPiazza_FF-10-650x434

 

LuciDellaPiazza_FF-5-650x434

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X