Il “Realismo visionario” di Popsophia
rilancia l’estate culturale delle Marche

IL FESTIVAL andrà in scena dal 2 al 5 luglio in esclusiva regionale a Pesaro, la provincia più colpita dal Covid nelle Marche. Anche la Regione contribuisce con un contributo di 100mila euro. Omaggio a Fellini nel centenario della nascita. La direttrice artistica Lucrezia Ercoli: «Ci affideremo all'immaginario della cultura pop e al potere creativo del pensiero filosofico contemporaneo per costruire un futuro che non c’è»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Cattura

La conferenza di presentazione del festival

 

di Laura Boccanera

Popsophia sarà il primo evento live dell’estate marchigiana. Torna, organizzato in tempi record, il festival della pop filosofia immaginando il mondo post pandemia con il “Realismo visionario”. Quattro serate dal 2 al 5 luglio in presenza a Pesaro e online. La Regione Marche ha presentato oggi pomeriggio il progetto, abbracciando il format di Hermas e Lucrezia Ercoli, finanziato con un contributo di 100mila euro.

Pesaro-2019-1-325x217

La direttrice artistica Lucrezia Ercoli in piazza a Pesaro

«Fino a poco tempo fa ci chiedevamo come sarebbe stata l’estate e non credevamo neanche possibile immaginare di tornare a parlare di turismo. Oggi l’abbinamento cultura e turismo si dimostra una scelta vincente – ha sottolineato il presidente della Regione Luca Ceriscioli – il nostro impegno per la ripartenza passa anche da questo. Dati raccolti su alcuni canali informali ci dicono che le Marche sono al terzo posto in Italia per prenotazioni, una performance che ci ripaga degli sforzi fatti e su questo vogliamo puntare». Quest’anno più che mai dunque Popsophia, dopo vari appuntamenti itineranti, diventa stabile a Pesaro (nessuna data è prevista nel resto delle Marche) in esclusiva regionale e rappresenta l’unico evento estivo di pop filosofia. «Fino a qualche settimana fa non sapevamo neanche se fosse possibile farlo in presenza – ha commentato il primo cittadino di Pesaro Matteo Ricci – ora vogliamo far diventare Pesaro la città della ripartenza dell’estate marchigiana. La città vuole ricominciare dopo il dolore e i lutti e le difficoltà. Sarà un’estate strana, lo sappiamo, e per questo ringraziamo la Regione per il contributo straordinario che ci riempie di orgoglio e soddisfazione. Manterremo anche gli appuntamenti del Rof e la mostra del cinema sperando di recuperare l’appeal turistico. E quest’anno Popsophia ci aiuta a immaginarci il futuro».

Popsophia-7-Philippe-Daverio-325x217

Philippe Daverio

Il festival si articolerà in presenza, all’aperto fino alla capienza massima consentita dai protocolli e sulla piattaforma online dove sarà comunque possibile seguire il dibattito che avvicenderà sul palco di piazza del popolo e del cinema sperimentale scrittori, filosofi e storici. Confermate al momento le presenze di alcuni ospiti tra cui Philippe Daverio per parlare delle città del futuro e lo storico Alessandro Barbero per delineare i corsi e ricorsi storici, dalle peste del 1300 al Rinascimento, dal Covid e poi? «Sono passati dieci anni dal nostro primo festival – ha ricordato la direttrice artistica Lucrezia Ercoli – e abbiamo costruito 4 giornate a tempo record cercando di riflettere su una contraddizione necessaria, un ossimoro che è il “realismo visionario”. Prendiamo a prestito la poetica di Fellini che quest’anno festeggia il centenario: i lucidi sogni felliniani ci aiutano a uscire dalla dittatura del reale per scorgere la possibilità dell’impossibile. Ci affideremo all’immaginario della cultura pop e al potere creativo del pensiero filosofico contemporaneo per costruire un futuro che non c’è». La partecipazione è gratuita ma per assistere agli appuntamenti del festival sarà obbligatoria la prenotazione online (la procedura sarà attiva da lunedì 15 giugno sul sito www.popsophia.com). Chi non riuscirà a partecipare dal vivo (i posti sono limitati a causa delle norme di distanziamento) potrà seguire la diretta online esclusiva sul sito del festival. La prossima settimana sarà svelato il programma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X