Noccioleti “Ferrero” nel Maceratese:
firmato il contratto di filiera

AGRICOLTURA - La cooperativa Montesanto di Potenza Picena ha sottoscritto l'accordo. Il direttore Paolo Berardi: «Per noi è una importante occasione economica»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

IMPIANTO-IN-PRODUZIONE-noccioleto

L’impianto in produzione

 

La Ferrero mette le radici nel Maceratese. Ha sottoscritto infatti a settembre, ma è stato reso noto solo in questi giorni, un contratto di filiera del progetto del “Progetto Nocciola Italia” con la Cooperativa Agricola Montesanto di Potenza Picena. L’oggetto dell’accordo è un centro di aggregazione e raccolta che in un primo momento mira a coprire tutta l’area centro meridionale della regione Marche, per poi potenzialmente arrivare ad estendersi anche nell’area nord della regione nei prossimi anni. «Dopo aver attentamente valutato la concretezza del progetto e la chiarezza delle condizioni, – scrive il direttore della Montesanto Paolo Berardi – si è deciso di cogliere questa ottima opportunità ed oggi possiamo comunicare di aver concluso il contratto di filiera con la Ferrero, grazie anche alla fattiva e competente collaborazione messa in campo con la Vinea di Offida. L’evoluzione e l’assetto delle aziende agricole in questi ultimi anni è cambiato notevolmente. Ci troviamo di fronte ad aziende con superfici medio piccole difficili da gestire con difficoltà di bilancio, pertanto la coltivazione del nocciolo è una valida alternativa. Mentre per le aziende medio/grandi è una diversificazione che aiuta il bilancio complessivo aziendale».

IMPIANTO-di-3-anni-a-Macerata-noccioleto-325x244

L’impianto tre anni fa

Insomma Berardi non si nasconde dietro a un dito e svela l’interesse economico: «Siamo i più grandi consumatori di nocciole nel mondo ma ne produciamo solo il 12%, secondi dietro alla Turchia. Le aziende agricole non vivono più e per noi è una possibilità di alzare i ricavi». Non è ancora possibile conoscere la mappa dei noccioleti che saranno piantati nel Maceratese: «Saranno nell’interno – precisa Berardi – da Macerata in su, sono zone vocate dove i noccioleti a volte nascono persino spontaneamente. E’ una coltivazione già testata e metteremo in atto tutte le misure necessarie, ad esempio l’impianto a goccia per irrigare senza sprecare acuqa. Nelel Marche copriranno un massimo di mille ettari». «Il Progetto Nocciola Italia, promosso dalla Ferrero Halzelnut Company – si legge in una nota –  la divisione interna del Gruppo Ferrero interamente dedicata alla nocciola, mira infatti a sviluppare una produzione corilicola al 100% italiana, attraverso la creazione di un sistema di sviluppo territoriale, condiviso con gli attori della filiera, per una diversificazione della agricoltura italiana. L’Italia rappresenta oggi il secondo fornitore a livello mondiale con una quota di mercato tra il 10-15% mentre a grande distanza la Turchia è al primo posto con il 70% circa del mercato complessivo. Grazie alla scarsa manodopera necessaria e alla lunga durata dell’impianto, il noccioleto garantisce prospettive di reddito certe. Pensiamo che la regione Marche bene si presti in molte aree alla coltivazione delle nocciole come dimostrano i primi appezzamenti piantati in zona negli scorsi anni e soprattutto lo conferma la presenza sul territorio collinare e di prima montagna di vaste aree coperte da alberi di nocciolo selvatico che storicamente risultano essere produttivi».I noccioleti si stanno diffondendo anche in Umbria e in Abruzzo ma soprattutto in Toscana avevano trovato l’ostilità legate all’impatto elevato della monocoltura.

(redazione CM)

Loacker sbarca a Matelica a caccia di nocciole

Noccioleti Ferrero in arrivo: «Obiettivo minimo 500 ettari»

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X