facebook twitter rss

Intossicati dalla padella nuova,
coppia di turisti in ospedale

POTENZA PICENA - I due, romani, ospiti di alcuni familiari, hanno accusato problemi respiratori durante la scorsa notte. Morti 5 dei 6 pappagalli che erano in casa con loro. Indagano i carabinieri
domenica 28 Aprile 2019 - Ore 11:46 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
559 Condivisioni

(Foto d’archivio)

Avvelenamento da Politetrafluoroetilene, coppia di turisti cinquantenni in vacanza a Porto Potenza in ospedale dopo aver inalato Teflon proveniente da una padella nuova acquistata nel pomeriggio, trovati morti 5 pappagalli che erano nella casa.
I carabinieri della compagnia di Civitanova diretta dal maggiore Enzo Marinelli insieme al 118 e ai vigili del fuoco sono intervenuti in un appartamento di Porto Potenza Picena dove una coppia di 50enni romani, ospiti di un parente per le festività pasquali, si è sentita male per l’inalazione di sostanze tossiche. La coppia durante la notte ha accusato problemi respiratori e attorno alle 3 si è accorta che alcuni canarini presenti all’interno della casa avevano gli stessi sintomi. Cinque dei sei uccelli presenti nella gabbia sono morti. Quando i soccorsi e i carabinieri sono arrivati sul posto hanno iniziato a ricercare le possibili cause dell’ avvelenamento: una delle ipotesi è che sia riconducibile alle sostanze liberate nell’aria dall’utilizzo di una padella nuova in teflon antiaderente utilizzata per cucinare delle pizze e che era stata acquistata in giornata dai due coniugi. Tra le possibili cause i vigili del fuoco e i carabinieri hanno ipotizzato anche la mancata manutenzione della caldaia. Per le verifiche del caso la padella utilizzata è stata sequestrata e il personale veterinario dell’Asur intervenuto per il prelievo dei pappagalli ha sequestrato anche un campione di pizza per le analisi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X