facebook twitter rss

La corsa di Bianca Verrillo:
«Sviluppo e ricostruzione
passano per l’Europa»

ELEZIONI - L'avvocatessa 48enne è l'unica marchigiana candidata alle Europee per il Pd. Oggi l'incontro di presentazione: «Credo con tutta me stessa in questa sfida». Il segretario delle Marche del Partito democratico, Giovanni Gostoli: «Rappresenta tutti noi, il cuore pulsante di questa regione»
sabato 27 Aprile 2019 - Ore 14:49 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
318 Condivisioni

 

Da sinistra: Angelo Sciapichetti, Francesco Vitali, Bianca Verrillo, Giovanni Gostoli

 

«Il futuro delle Marche si declina nel segno dell’Europa». Ha le idee chiare Bianca Verrillo, unica marchigiana candidata dal Pd alle prossime europee: «Lo sviluppo della nostra regione non può prescindere dal sostegno europeo, soprattutto nel campo della ricostruzione del dopo sisma».

Bianca Verrillo

Durante la presentazione di questa mattina, l’avvocatessa 48enne, segretaria di circolo a Matelica, ha parlato al cuore dei suoi futuri elettori: «Credo con tutta me stessa in questa sfida. Porterò avanti questa candidatura con umiltà e impegno». Al suo fianco Giovanni Gostoli, segretario del Pd Marche, Francesco Vitali, segretario provinciale del Pd, e Angelo Sciapichetti, assessore regionale. «Bianca rappresenta tutti noi, il cuore pulsante di questa regione – ha commentato Gostoli -. Attraverso lei, diamo voce al nostro progetto più importante: costruire una nuova Europa, ricostruire le Marche. Il 26 maggio saremo chiamati a un appuntamento con la storia, una sfida che vede tre forze in ballo: sovranisti, conservatori e chi come noi vuole rinnovare il senso di appartenenza europea».

Riflettori accesi sul tema della ricostruzione, carburante per lo sviluppo di tutto il centro Italia: «Bianca vive ogni giorno l’area del cratere – ha spiegato Gostoli – chi meglio di lei può riportare le istanze dei cittadini? Quegli stessi problemi a cui il governo Lega – 5 Stelle non ha ancora saputo rispondere. Semplificazione della burocrazia, più personale e strumenti per snellire la ricostruzione. Bisogna fare presto: il futuro non aspetta». Secondo il segretario provinciale Vitali le elezioni del 26 maggio rappresentano un bivio: «Si dovrà scegliere tra chi crede nell’Europa e chi invece mira a distruggerla. Questo governo, tanto ricco di contraddizioni, di certo non ci aiuta. Ma senza Europa non c’è futuro».

(Gia. Gar.)

(Foto di Fabio Falcioni)

 

Giovanni Gostoli

 

Irene Manzi, Ninfa Contigiani



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Pubblicità elettorale





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X