facebook twitter rss

Montefano, Angela Barbieri in campo:
«Voglio ridare dignità al nostro Comune»

ELEZIONI - Ha annunciato di volersi candidare a sindaca alle prossime amministrative. Ha 60 ed è dirigente comunale a Recanati: «L'obiettivo è rappresentare un segnale di speranza che restituisca fiducia nelle istituzioni e in chi ha davvero l’intenzione di rappresentare con rigore, coerenza e trasparenza gli interessi della comunità»
martedì 12 Marzo 2019 - Ore 13:33 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
2K Condivisioni

Angela Barbieri

 

«Come cittadina sento il profondo bisogno di fare la mia parte per ricostruire la dignità del nostro Comune commissariato e costruire un progetto collettivo, serio e fattibile. Voglio dare un segnale di speranza, che restituisca fiducia nelle istituzioni e in chi ha davvero l’intenzione di rappresentare con rigore, coerenza e trasparenza gli interessi della comunità montefanese». Così Angela Barbieri annuncia a sua candidatura a sindaco di Montefano, commissariato dopo il caos in maggioranza che portò alle dimissioni in massa dei consiglieri e poi del sindaco Carnevali. Per ora quindi è sfida a due, entrambe donne, visto che nei giorni scorsi aveva annunciato la sua candidatura anche Anastasia Accattoli (leggi l’articolo).  «Con il commissariamento si incrina il normale funzionamento dei processi democratici di rappresentanza. Per me – aggiunge la Barbieri – quanto accaduto ha segnato un momento di sgomento, smarrimento e di incredulità: nella mia vita professionale e di cittadina ho sempre creduto che le istituzioni meritino il massimo livello di rispetto, prima di tutto da parte di chi si impegna a rappresentarle». La Barbieri, 60 anni, nata e cresciuta a Montefano, con una laurea triennale in Scienze politiche e un diploma in Ragioneria, si definisce una donna profondamente rispettosa delle istituzioni: da 40 anni, infatti, lavora nella pubblica amministrazione, prima a Montecassiano, poi a Recanati dove da 16 anni ricopre il ruolo di dirigente per le risorse del Comune, occupandosi di bilancio, tributi, cultura, rifiuti e turismo. Ormai prossima alla pensione, la Barbieri è decisa a proseguire il suo impegno nell’amministrazione. «Il senso del dovere, la trasparenza e la serietà sono valori imprescindibili che devono necessariamente accompagnare l’operato del buon amministratore pubblico – continua la candidata –  la concretezza, l’ascolto ed il duro lavoro quotidiano fanno il resto. I montefanesi non meritavano di subire quanto accaduto, il paese e i suoi cittadini vanno risollevati, bisogna lavorare duramente con competenza e dedizione. Occorre superare le divisioni (e questo sarà uno dei primi impegni da affrontare), ristabilire la socialità, aprirsi ai cittadini, coinvolgerli e rispondere in modo serio, fattibile e trasparente alle loro richieste.
Questo è il sindaco che voglio essere per il nostro Comune». La Barbieri ha cominciato già a muoversi da settimane sul territorio montefanese. «Sto incontrando personalmente concittadini e realtà – spiega – perché voglio ascoltare e conoscere le impressioni e le problematiche avvertite come urgenti nel Comune; inoltre, voglio che le persone conoscano la mia storia e le motivazioni che mi spingono a candidarmi». Proprio a tal proposito, fino a fine aprile, il mercoledì e il venerdì dalle 18 alle 20, la Barbieri sarà disponibile nello spazio sin corso Carradori 36, per accogliere coloro che vorranno conoscerla da più vicino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X