Insulti razzisti su Facebook,
ennesimo scivolone di Troiani

IL VICESINDACO di Civitanova se ne è uscito con un post in cui ha etichettato Pierre Moscovici ("ebreo rinnegato"), Jean-Claude Juncker ("beone impunito"), Angela Merkel ("culona inch...") e Emmanuel Macron ("diversamente maschio neGrofilo"). E poi rincarare: "Per non parlare di Francesco e del suo staff di pedofili". Non è la prima volta per il numero due della giunta
- caricamento letture
primo-consiglio-comunale-civitanova-fausto-troiani-FDM-5-650x433

Fausto Troiani

 

Ancora una volta, ancora insulti su Facebook. A dispetto della carica pubblica che ricopre non ha perso l’ennesima occasione per lanciare epiteti razzisti, omofobi, e sessisti. Vergati sul suo profilo, neanche fosse il diario segreto di un ultras della politica nostrana. Fausto Troiani, vicesindaco di Civitanova, ci è ricascato. E le sue frasi hanno fatto il giro del web fino “conquistando” la ribalta nazionale. Eccolo il Troiani pensiero.  Nel primo post si scatenato contro Pierre Moscovici (“ebreo rinnegato”), Jean-Claude Juncker (“beone impunito”), Angela Merkel (“culona inch…”) e Emmanuel Macron (“diversamente maschio neGrofilo”). Chiudendo con la domanda: “Perché l’Italia dovrebbe essere succube della volontà di certi personaggi?”. Nel secondo post, un commento in realtà, il numero due della giunta guidata da Fabrizio Ciarapica rincara la dose e se la prende pure con il Papa e scrive: “Per non parlare di Francesco e del suo staff di pedofili”. In realtà proprio Bergoglio sembra essere uno dei suoi obiettivi prediletti: “Rimandiamo il papa ad Avignone” è stato un altro dei suoi post recenti. E pensare che questo carrellata di insulti non è certo la prima occasione in cui Troiani mostra tutta la sua “verve” linguistica. Dopo l’indignazione suscita dalle parole scritte in seguito alla morte di Franca Rame e don Gallo, il vicesindaco di Vince Civitanova a gennaio se ne era uscito con un “Boia chi molla” in risposta a un cittadino, che aveva commentato la questione sicurezza in città. «Solo uno scherzo con un’amica», si era difeso Troiani.

(redazione CM)

troiani

Il posto pieno di insulti di Troiani

Vicesindaco scrive «Boia chi molla», Rossi: «Non ha capito ruolo che ricopre»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X