Stallo sul commissario alla Ricostruzione,
Ruffini: «Ancora nessuna chiamata»

SISMA - L'ingegnere di Tolentino, indicato dalla Lega, è il nome in pole per il dopo De Micheli, ma la nomina tarda ad arrivare. A Roma, sul piatto, potrebbero esserci altre ipotesi
- caricamento letture

Gianfranco-Ruffini_Foto-LB-2-400x267

Gianfranco Ruffini

 

«Io non so nulla. Nessuno mi ha ancora telefonato per dirmelo». Gianfranco Ruffini, 58 anni, ingegnere e consulente della Diocesi, è il nome trapelato sabato scorso come nuovo commissario alla Ricostruzione. Oggi, come tre giorni fa, dichiara che nessuno lo ha contattato. Il suo nome – come anticipato sabato da Cronache Maceratesi – è quello indicato dalla Lega ai vertici di Governo.  Ma con la coalizione Lega-Movimento 5 stelle, i giochi sono sempre aperti fino all’ultimo, cioè la nomina effettiva. Tanto che al momento, nonostante quella di Ruffini sembrasse una scelta ormai fatta, a Roma sarebbe ancora tutto da decidere. Un vero e proprio stallo insomma che dura ormai quasi da un mese e che è forse il sintomo che sul piatto ci siano altre ipotesi per ricoprire il ruolo. Cruciale nei mesi in cui la ricostruzione stenta a partire. Paola De Micheli, “scaduta” dal ruolo l’11 settembre, resterà in proroga fino a circa la metà del mese. Quasi in concomitanza con il 26 ottobre, “anniversario” terribile delle due scosse che una sera di due anni fa colpirono l’entroterra maceratese con epicentro tra Visso, Ussita e Castelsantangelo.

(Fe. Nar.)

Commissario alla ricostruzione, spunta il tolentinate Gianfranco Ruffini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X