Camera di commercio unica
«Uno schiaffo al Maceratese»

POLEMICA - Stefano Massimiliano Ghio, consigliere di Civitanova e ormai ex componente della giunta camerale di Macerata, denuncia la scarsa rappresentanza nel nuovo ente della nostra provincia: appena 3 consiglieri su 34 nel consiglio. «Le conseguenze negative ricadranno tutte sul nostro territorio. Mi aspetto a questo punto una presa di posizione della politica»
- caricamento letture

candidatio-a-confronto-stefano-ghio-civitanova-FDM-23-650x433

Stefano Massimiliano Ghio

 

Camera di commercio unica: solo tre rappresentanti del Maceratese, Ghio non ci sta. Giovedì la Regione, con un decreto, ha nominato il consiglio della nuova Camera di commercio delle Marche e su 34 componenti, solo tre rappresentano la nostra provincia. Lo rende il consigliere comunale di Civitanova e ormai ex componente della giunta camerale di Macerata Stefano Massimiliano Ghio.  «Come può essere – denuncia Ghio – che una realtà quale quella del nostro territorio, tanto vitale quanto rilevante possa essere così sotto rappresentata? Ricordo tutte le battaglie fatte per garantire ai nostri territori una rappresentanza autorevole ed efficiente nella gestione degli aiuti allo sviluppo della nostra economia provinciale attraverso investimenti diretti alle imprese ed ai progetti di rilevanza economica. Tutti siamo stati d’accordo nel sostenere tale necessità anche ostacolando, nei limiti del possibile, la costituzione della Camera di Commercio Unica. Ebbene l’epilogo della vicenda, risultato delle scelte operate dalle associazioni di categoria che hanno eletto i propri componenti, hanno di fatto sconfessato tale necessità. Cui prodest?  Certamente non alle aziende e non al nostro territorio che dimostra tutta la sua forza nella produzione e nello sviluppo, ma tutta la sua debolezza nella rappresentanza». Ghio parla quindi delle conseguenze negative che la nuova situazione avrà sul nostro territorio. «Quando sono entrato in Camera di commercio ed ho avuto l’onere e l’onore di coprire la carica di componente di giunta – aggiunge – ho sempre liberamente espresso un pensiero tanto ostico quanto contestato: la vera riforma delle Camere di commercio doveva riguardare la governance e non la sua territorialità. A consuntivo di tutta la vicenda ed alla conclusione del mio mandato non posso che amaramente confermare il mio pensiero dolendomi del fatto che le conseguenze negative ricadranno tutte sul nostro territorio. Mi aspetto a questo punto una presa di posizione della politica maceratese al fine di vedere il nostro territorio rappresentato quanto meno nella giunta camerale in quanto dalle voci che si sentono tale eventualità non sembra neppure lontanamente possibile».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X