«Un attivista irreprensibile,
innamorato di una ragazza
con problemi di droga»

FOLLIA RAZZISTA - La segreteria provinciale della Lega Nord Maria Letizia Marino parla di Luca Traini, l'uomo arrestato per aver sparato a sei africani in giro per Macerata: «Con noi è comportato correttamente dal primo all'ultimo giorno». Il 29enne si era anche candidato con il Carroccio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
lega-nord-provinciale

Maria Letizia Marino al congresso provinciale della Lega

 

Un attivista irreprensibile, innamorato di una giovane ragazza con problemi di tossicodipendenza. E’ questo il quadro che Maria Letizia Marino, segreteria provinciale della Lega Nord, fa di Luca Traini, il 29enne arrestato a Macerata dopo aver sparato a sei africani, seminando per due ore il terrore per le vie della città. La Marino ricorda che il ragazzo per un periodo fece parte proprio del Carroccio. Si era anche candidato alle ultime elezioni comunali di Corridonia con la Lega, collezionando zero preferenze. «L’ha frequentata per poco tempo –  ha detto Marino a Radio Capital, riferendosi alla alla sede della Lega – perché poi si è avvicinato ad altri movimenti politici. Si è comportato correttamente dal primo all’ultimo giorno che l’abbiamo visto, un’attivista irreprensibile. E adesso parlando anche con altre persone che gli stavano vicine stiamo scoprendo che frequentava una ragazza che aveva problemi di tossicodipendenza. Era molto preoccupato di questa ragazza di cui si era follemente innamorato, una ragazza di Roma, da qui il sospetto si trattasse proprio di Pamela». La circostanza che si fosse innamorato e avesse una relazione proprio con Pamela Mastropietro, la 18enne barbaramente uccisa e fatta a pezzi e il cui cadevere è stato trovato in due valigie a Casette Verdini, è stata smentita sia da chi conosce Traini, sia da un ex datore di lavoro.

luca-traini-lupo-sparatoria-spari-macerata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X