Congresso, “assemblea da applausi”:
il Pd se la canta e se la suona

VERSO IL VOTO - All'hotel Grassetti di Corridonia è stata presentata la candidatura a segretario provinciale di Francesco Vitali. Trionfali i toni della parte dem che lo sostiene, quasi a dimenticare divisioni e lotte intestine. Pace fatta con Delpriori e Paoloni, due dei 12 sindaci che hanno firmato il documento di protesta
- caricamento letture
IMG-20171007-WA0050-650x366

Sala piena di simpatizzanti durante l’assemblea all’hotel Grassetti

 

di Matteo Zallocco

Sala affollatissima, in tanti costretti a rimanere fuori, scroscianti applausi, uniti dallo spirito di servizio. Sono alcuni dei passaggi della nota inviata dal Pd sulla presentazione della candidatura di Francesco Vitali, segretario provinciale uscente, in vista del voto nei circoli che partirà il 12 ottobre. Il Pd se la canta e se la suona dimenticando le critiche piovute in queste settimane per gli accordi presi nelle segrete stanze in barba alla trasparenza e alla partecipazione. Critiche arrivate anche da 12 sindaci dem che hanno firmato un documento dove chiedevano la riapertura del dibattito e una svolta decisiva nell’atteggiamento e nelle modalità di decisione del partito: “Siamo convinti che un metodo sbagliato e l’assenza di un confronto si ripercuoterebbero sulle comunità da noi amministrate, il vero problema della gestione dell’emergenza terremoto è stato il poco coinvolgimento dei sindaci nelle decisioni”. Pace fatta da ieri con due di loro (Delpriori e Paoloni). Ma alla fine l’unità non è arrivata, la proposta di Ricottini non è stata presa in considerazione e alla candidatura di Francesco Vitali è stata contrapposta quella del sindaco di Appignano Osvaldo Messi dall’ala renziana che vede in prima fila il senatore Mario Morgoni. La candidatura del segretario uscente è invece sostenuta, tra gli altri, dalla deputata Irene Manzi, dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti, dal vice-capogruppo Pd in Regione Francesco Micucci, da Sara Giannini e Giulio Silenzi. Dunque un Pd diviso che non riesce a dialogare. Ma da ieri sera è tornato l’entusiasmo. Lo si vede dalla nota che riportiamo integralmente: 

IMG-20171007-WA0051-300x400

Francesco Vitali durante la presentazione di ieri sera

 

“Venerdì sera, in un’affollatissima sala convegni dell’Hotel Grassetti che ha costretto molti a rimanere fuori, Francesco Vitali ha presentato la propria candidatura alla segreteria provinciale del Pd. Al suo fianco per sostenerlo convintamente c’erano l’onorevole Irene Manzi, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti ed il neo vicecapogruppo del Consiglio regionale Francesco Micucci. Una candidatura che si rinnova all’insegna sia della continuità in merito al lavoro svolto in quest’ultimo anno, sia di una ricca ed articolata piattaforma programmatica. ‘L’unità va ricercata sui contenuti’ ha ripetuto più volte Francesco Vitali, che profondamente coerente al suo intento ha recepito interamente il documento dei Sindaci del maceratese presentato nei giorni scorsi facendone uno degli elementi base della sua visione pragmatica. Decisione molto gradita da diversi dei primi cittadini firmatari tanto che due di essi, Alessandro Del Priori e Roberto Paoloni, sindaci di Matelica e Belforte del Chienti, sono intervenuti per annunciare il loro sostegno alla candidatura di Vitali e per ribadire la necessità da parte dei tanti primi cittadini del Pd di poter fare riferimento ad una struttura provinciale solida, operativa e che si occupi di tracciare le linee guida dell’azione politica. Esigenze che collimano perfettamente con la visione di Vitali che ha anche parlato di una candidatura che nasce e si rinnova per spirito di servizio, che non nasconde secondi fini e ambizioni di carriera ed è dunque per lui importante costruire una segreteria motivata e preparata ad affrontare le importanti sfide che attenderanno il partito sul territorio. Tema centrale di riflessione dovrà continuare ad essere il terremoto con una particolare attenzione al progetto di ricostruzione sia del patrimonio urbanistico ed architettonico che del tessuto sociale in parte a rischio di dispersione, poi le politiche del lavoro, quelle sulla sanità ed i servizi, quelle in ambito culturale e turistico nel tentativo di stringere un legame ancora più solido con il mondo delle università ed in ultimo, come più volte ribadito anche dagli interventi succedutesi all’interno del dibattito, uno sguardo alla riorganizzazione del partito sul territorio, a partire proprio dalle singole sezioni locali. Impegni chiari e precisi che hanno raccolto la risposta entusiasta dei tantissimi presenti attraverso numerosi e scroscianti applausi che hanno accompagnato anche i diversi interventi che hanno animato un dibattito vivo, acceso e ricco di proposte”. 

 

Addio unità, nel Pd la sfida è a due: Messi e Vitali candidati

Segreteria Pd, l’appello di 12 sindaci: “Serve quella partecipazione mancata nell’emergenza terremoto”

Pd verso il congresso, Vitali si presenta: “Scelto da tutti i segretari dei circoli”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =