Casa dello spaccio in centro
Arrestato un 28enne

CIVITANOVA -Blitz della polizia in via Principe di Piemonte. Nei guai un pakistano, Aman Ullah. Gli agenti hanno seguito un gruppetto di giovani sospetti dopo aver notato uno strano via vai vicino alla rotatoria Loriblù. Perquisita l'abitazione fino al tetto, con l'aiuto dei pompieri, sono stati trovati 30 grammi di eroina e denaro contante con due banconote false
- caricamento letture
La droga e i proventi sequestrati dalla polizia

La droga e i proventi sequestrati dalla polizia

di Laura Boccanera

Via vai di giovani alla rotatoria Loriblù la polizia li segue e trova una casa dello spaccio in pieno centro. Arrestato un 28enne. A finire in carcere un pakistano, Aman Ullah, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di monete falsificate. A lui gli agenti sono arrivati durante l’attività, messa in atto per il contrasto allo spaccio di droga, da parte degli uomini del Commissariato di Civitanova che ieri sera hanno compiuto il blitz. Durante il pomeriggio alcuni poliziotti in borghese si sono appostati nella zona della rotatoria Loriblu. Lì hanno notato uno strano movimento di giovani, alcuni dei quali conosciuti come assuntori di sostanze stupefacenti. Li hanno seguiti e così hanno individuato l’appartamento sospetto, in via Principe di Piemonte 17. Erano circa le 18.30 circa quando gli agenti dell’anticrimine hanno fatto irruzione nella casa, forzando la porta di ingresso. La perquisizione personale e locale nei confronti del 28enne presente ha permesso di rinvenire e sequestrare eroina per circa 30 grammi e denaro per un totale di 1.755 euro e due banconote da 50 euro con stesso numero di serie, contraffatte. Rinvenuto anche un bilancino di precisione, e vario materiale per il confezionamento dello stupefacente. La droga e tutto il resto è stato sequestrato. La perquisizione è stata effettuata con l’aiuto dei vigili del fuoco di Civitanova che con una lunga scala hanno permesso di ispezionare la zona del tetto dove però non c’era nulla. Il pakistano, disoccupato e con permesso di soggiorno scaduto, oltre ad essere arrestato è stato denunciato alla procura della Repubblica di Macerata per il possesso dello stupefacente e delle banconote contraffatte. Ora si trova nel carcere di Camerino in attesa dell’udienza di convalida.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X