Rinegoziazione mutui, Pezzanesi:
“Ci hanno lasciato più di 29 milioni di debiti”

TOLENTINO - Il sindaco risponde alle accuse di Voce alla Città. L'assessore al bilancio Luconi: "Noi abbiamo preso finanziamenti solo per la pista di atletica e la caserma dei vigili del fuoco"
- caricamento letture
Giuseppe Pezzanesi, sindaco di Tolentino

Giuseppe Pezzanesi, sindaco di Tolentino

di Marco Cencioni

Dopo le critiche sollevate dal movimento politico Voce alla Città sulla rinegoziazione dei mutui approvata nell’ultimo consiglio comunale (leggi l’articolo), arriva la risposta del sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi e dell’assessore al bilancio Silvia Luconi. “Ringrazio la Voce per avermi ricordato che ci hanno lasciato 29 milioni e mezzo di euro di debito oltre a numerose opere pubbliche promesse e mai realizzate per la città – dichiara il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi – Li ringrazio anche perché nel 2010, con la precedente amministrazione di cui hanno fatto parte per almeno un periodo, ci fu la rinegoziazione dei debiti in cui loro erano dentro fino al collo, dato che avevano un presidente del consiglio e un assessore all’urbanistica. Nonostante i propositi, non abbiamo mai francamente capito cosa volessero fare per la città dal momento in cui non hanno fatto niente e gli elettori hanno riconosciuto questo alle ultime elezioni, dove sono praticamente scomparsi – sottolinea il primo cittadino tolentinate – Sono stati al governo della città quando ancora a livello nazionale non erano stati fatti, come oggi, tagli di grande rilevanza ai comuni da parte dello stato centrale per quanto riguarda i trasferimenti, quando ancora per la ricostruzione del Vaccaj c’erano 4 milioni e mezzo di euro disponibili, poi destinati alla copertura spesa corrente, quando la crisi occupazionale che c’è oggi non obbligava i comuni a fronteggiare un’emergenza sociale senza precedenti quando, insomma, si è rinegoziato e non si è prodotta nessuna opera pubblica necessaria per la città” – afferma Pezzanesi.

Silvia Luconi

L’assessore al bilancio, Silvia Luconi

Spiega, nel dettaglio, le motivazioni che hanno portato alla rinegoziazione, invece, l’assessore al bilancio Silvia Luconi. “Quella della rinegoziazione dei mutui è stata una scelta lunga e sofferta.La decisione finale ci permette di avere la possibilità di reperire nuovi fondi da destinare ad investimenti o alla riduzione del proprio debito come d’altra parte stanno facendo anche quasi tutti gli altri enti pubblici. In linea anche con l’orientamento giurisprudenziale della Corte dei Conti, la rinegoziazione ha un duplice costante effetto:da un lato determina un vantaggio immediato consistente nella riduzione della spesa annuale per il rimborso delle rate di ammortamento, dall’altro però determina un aumento della spesa complessiva per interessi in conseguenza della maggior durata dell’indebitamento. Detto tutto questo l’orientamento dell’amministrazione è quello o di vincolare le economie derivanti dalla rinegoziazione per spese di investimento, oppure rinegoziare alcuni dei prestiti originariamente sottoscritti. I mutui del comune di Tolentino sono 53, dei quali 3 assunti da questa amministrazione e per le seguenti opere:la pista di atletica (tra l’altro ridata alla città proprio ieri 30.11, dopo anni in cui versava in condizioni pietose) e la nuova caserma dei vigili del fuoco; ricordo che la rata del mutuo sarà interamente coperta dalla quota che i Vigili del Fuoco stessi verseranno per l’affitto dello stabile.
Altra precisione da fare in onore della verità è che tutti i mutui rinegoziati non è vero che fossero di prossima scadenza, ma si serebbero estinti almeno fra 17/20 anni; l’allungamento pertanto è di 10/13”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X