A bordo di un fuoristrada rubato
forzano posto di blocco e fuggono

MUCCIA - Due uomini non si sono fermati all'alt intimato dai carabinieri ed è nato un inseguimento. Diverse le pattuglie dei militari che sono state dispiegate nell'entroterra per rintracciare i malviventi
- caricamento letture

carabinieri6Due uomini, a bordo di un fuoristrada rubato, ieri intorno alle 15 non si sono fermati all’alt dei carabinieri e si sono dati alla macchia nei boschi sopra Muccia, dopo essere stati inseguiti dai carabinieri del reparto Radiomobile di Camerino, impegnati nelle operazioni di controllo del territorio. Immediatamente i militari hanno seguito il mezzo per un breve tratto lungo la provinciale, poi all’interno del centro abitato di Muccia. L’auto dei malviventi ha imboccato una strada laterale, andando a sbattere contro un cancello, poi i due uomini a bordo, sentendosi il fiato sul collo dei carabinieri, si sono dati alla fuga nelle vicine campagne. Sono state disposte ricerche a vasto raggio dal capitano Vincenzo Orlando, comandante della Compagnia di Camerino, che hanno coinvolto diverse pattuglie di carabinieri, continuate sino a sera.

I due che con tutta probabilità si trovavano in zona per compiere qualche furto, sono riusciti a far perdere le loro tracce. L’auto, risultata rubata nella zona di Ascoli, è stata sequestrata e restituita al legittimo proprietario. Soltanto lo scorso 11 ottobre, grazie ai controlli degli uomini dell’Arma, era stata rintracciata a Pioraco una Giulietta rubata in Umbria, inseguita sino a Fiuminata, poi abbandonata dai ladri che si erano dati alla macchia, con la refurtiva a bordo. Si tratta delle cosiddette auto d’uso, rubate dai ladri prima di compiere furti, usate esclusivamente come mezzo di trasporto, per poi essere abbandonate, prima che i malviventi salgano su auto pulite per non farsi trovare. L’azione dei carabinieri è stata provvidenziale per sventare azioni criminose, probabilmente nel mirino dei due fuggiaschi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X