Follia in piazza Mazzini,
sentiti i testimoni
Ore contate per l’aggressore

MACERATA - I carabinieri avrebbero in mano il nome del nordafricano, pare si tratti di un egiziano, che ha picchiato con calci e pugni il 31enne Andrea Mazzanti
- caricamento letture

carabinieri 4Aggressione in piazza Mazzini, a Macerata, i carabinieri avrebbero in mano il nome del nordafricano, pare si tratti di un egiziano, che ha colpito a calci e pugni il 31enne Andrea Mazzanti.

Svolta nelle indagini sulla violenta aggressione avvenuta in piazza Mazzini, a Macerata, nella notte tra venerdì e sabato (leggi l’articolo). I carabinieri oggi hanno sentito alcuni testimoni che hanno assistito all’aggressione patita da Andrea Mazzanti (il giovane senigalliese ha riportato una frattura cranica e il setto nasale deviato, con prognosi di 30 giorni). Chi ha assistito alla scena avrebbe fornito elementi utili agli investigatori a identificare l’aggressore. Fin da subito le indagini si erano incentrate sulla ricerca di un nordafricano. E ora l’uomo avrebbe un nome e un cognome: si tratterebbe di un egiziano legato ad episodi di cronaca avvenuti a Macerata. Ma le indagini sono in corso. Mazzanti, dipendente di Esserci comunicazione, lavora a Macerata durante la stagione degli eventi allo Sferisterio. E quando è stato aggredito, alle 2,30 sabato mattina, il giovane aveva lasciato la festa che si era svolta dopo la serata di Musicultura all’ostello Ricci e si trovava insieme a due colleghe quando venne aggredito. Secondo quanto emerge, lo stesso nordafricano avrebbe partecipato ad una rissa in via Severini, in seguito avrebbe raggiunto lo Sferisterio dove, incontrato un giovane che collabora con Musicultura, lo avrebbe spintonato facendolo fuggire (leggi l’articolo).

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X