“Lavorare il primo maggio è un’ingiustizia”

LA LETTERA - Laura Marcolini scrive al sindaco Carancini per chiedere se c'è la possibilità di intervenire sulla politica di lavoro utilizzata dai centri commerciali
- caricamento letture
Il sindaco di Macerata, Romano Carancini

Il sindaco di Macerata, Romano Carancini

Dalla nostra lettrice Laura Marcolini riceviamo questa lettera, destinata a Romano Carancini, sindaco di Macerata:

«Caro Sindaco, Le scrivo per sfogare un grande senso di amarezza. Oggi entrando in un “grande magazzino”, non voglio dire quale, perché comunque uno vale l’altro, ho letto un cartello che diceva: “Si informa la gentile clientela che il nostro negozio sarà aperto anche il primo maggio”.
Allora mi sono sentita davvero offesa, come cittadina italiana, perché essere aperti il giorno della festa dei lavoratori mi sembra davvero una cosa non solo ingiusta, ma aggiungerei offensiva assurda e ridicola.
In un paese dove i diritti dell’individuo sono sempre più difficili da trovare, perché in questo caso i grandi colossi commerciali si sentono in dovere di calpestare la libertà della persona avendo dalla loro il lurido potere di dire “te lo avevo detto prima di assumerti”, “Se non ti sta bene, ne assumo un altro”.
Sapendo che fame c’è di lavoro ti prendono per la gola, rubandoti ogni domenica e festa comandata perché sanno che tu hai bisogno di loro. Le scrivo per chiederLe una cortesia. Perché insieme a tutti i sindaci d’Italia non vi riunite per fare un’ordinanza e proponete una legge o qualcosa di simile, che vieti a qualsiasi centro commerciale, di qualsiasi città, piccola o grande della nostra nazione, l’apertura nei giorni di festa?
Chissà magari le persone alienate e senza più un briciolo di fantasia e buon cuore, invece che “passeggiare” ai centri commerciali, magari tornerebbero a farsi una camminata nei nostri stupendi centri storici o in riva al mare, in campagna o in montagna e tra l’altro questo diritto credo appartenga anche a tutti i lavoratori onesti, a cui piacerebbe sapere, che quando è festa, lo è per tutti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X