Follia alla fermata dell’autobus
Autista picchiato e preso a sassate

CIVITANOVA - Un giovane ha aggredito il guidatore di un pullman della Contram nei pressi della fermata di Cristo Re. Per la vittima 20 giorni di prognosi, il responsabile è stato arrestato dai carabinieri
- caricamento letture
La fermata di Cristo Re a Civitanova

La fermata di Cristo Re a Civitanova

di Laura Boccanera

Dà in escandescenze in pieno centro, aggredisce un autista della Contram e prende a sassate l’autobus. Minuti di follia e delirio verso le 13.30 a Civitanova quando un giovane, di circa 20 anni, di origine peruviana e residente a Macerata, si è avventato contro un autobus che stava arrivando di fronte alla fermata di Cristo Re. Qui il ragazzo ha iniziato a colpire con sassi pesanti e massicci il finestrino del guidatore; l’autista è sceso ma è stato preso a calci e pugni. Una ferocia e una rabbia apparentemente senza motivo quella che è scaturita dal giovane, che era ubriaco e probabilmente anche sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Il 20enne si trovava a spasso per il centro con un gruppo di amici. Ad un certo punto il giovane si è staccato dalla comitiva e ha raggiunto la fermata di Cristo Re, dove stava transitando il pullman che conduce a Macerata. Senza una ragione apparente, si è avventato verso la porta, ha sbattuto i pugni sul finestrino e ha preso in mano alcuni di quei grossi sassi decorativi per piante, che ha poi scagliato violentemente verso il mezzo.
L’autista ad un certo punto è sceso e ha cercato di calmarlo, ma il giovane, fuori di sé, lo ha aggredito: calci, pugni, botte con un’ira funesta. Il conducente del bus, un uomo sulla quarantina, è ridotto male e viene portato in ospedale, dove i medici stabiliscono una prognosi di 20 giorni. Vengono riscontrate lesioni al braccio e al torace. Intanto i carabinieri, intervenuti pochi minuti dopo il fatto, si mettono alla ricerca del responsabile dell’aggressione, con una pattuglia e con i carabinieri di quartiere. Viene rintracciato, ma quando i militari cercano  di bloccarlo lui scappa. Viene riacciuffato, ma reagisce violentemente, quasi in preda ad un raptus. Immediatamente il peruviano viene portato nella caserma della Compagnia di via Carnia, ma visti gli inutili tentativi di placarlo i carabinieri richiedono l’intervento del 118 per condurlo al reparto psichiatrico. Il giovane è stato arrestato per interruzione di pubblico servizio, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Ulteriori indagini sono in corso da parte dei carabinieri per accertare se il giovane sia anche il responsabile di un furto di superalcolici avvenuto in un supermercato della zona e di alcuni danneggiamenti a vetrine di corso Dalmazia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X